Justice League – Le migliori storie di tutti i tempi (secondo noi)


 

 

Con l’uscita nei cinema del film sulla Justice League, molte  persone che non seguono le gesta del gruppo più potente della Terra sui fumetti chiedono lumi: quali storie leggere per avere un’idea completa del team? Quali sono le storie da recuperare assolutamente? Anche nei fumetti la squadra è stata fondata da Batman?
Domande assolutamente più che lecite se siete neofiti, a cui cercheremo di dare risposta in questa puntata speciale di #10Storie, la rubrica che di volta in volta vi segnala i racconti più belli dedicati a un personaggio o a un gruppo. Prima di cominciare, sarà bene chiarire che fino a qualche tempo fa, la Justice League era nota come Justice League of America e l’acronimo JLA che troverete più avanti nell’articolo è esattamente come chiamavano nell’epoca pre-Flashpoint la squadra di eroi. La parola “America” era stata già tolta nella serie a cartoni animati, successivamente nei fumetti (almeno per quel che riguarda il gruppo principale) e ora è stata definitivamente tolta anche dal film. Il perché è presto detto: una forza di pace che veglia sul mondo intero, non può essere identificata con un solo Paese. La versione ufficiosa, invece, è che il prodotto va venduto in tutto il mondo, quindi meglio non dare troppe coordinate politiche, anche se è evidente il luogo di provenienza…

Abbiamo parlato fin troppo, è tempo che le immagini prendano vita… Signore e signori, ecco a voi la Justice League!

NB: questa non è una classifica, dunque gli albi sono presentati in ordine sparso. Si tratta di storie davvero molto belle che ci piacerebbe farvi conoscere, non c’è alcuna classificazione, vogliamo solo consigliare titoli che – a nostro modo di vedere – sono imprescindibili per conoscere e capire meglio la Justice League dei fumetti.


 

 

JUSTICE
Di Alex Ross, Jim Kruger e Doug Braithwaite

Una storia intensa, sorprendente, che vede il grande Alex Ross eccezionalmente nella doppia veste di sceneggiatore e disegnatore, coadiuvato da Jim Kruger e Doug Braithwaite. L’idea alla base di Justice è tanto semplice quanto geniale: cosa succederebbe se anche i più feroci criminali dell’universo DC decidessero di formare una squadra? Ma soprattutto… e se ora volessero dare una mano a salvare il mondo? La Justice League si ritroverà ad affrontare la Legion of Doom, una sua controparte apparentemente malvagia… che sembra voglia fare del bene. Roba da non crederci, ma soprattutto da non fidarsi.

JLA: TORRE DI BABELE
Di Mark Waid e Howard Porter

La storia che non ti aspetti, quella che ha cambiato le dinamiche interne alla Justice League per alcuni mesi. Quella che ha sconvolto ogni membro del gruppo, perché tutti, nessuno escluso, si sono sentiti traditi da uno dei membri più importanti: Batman, il quale ha creato dei “protocolli di emergenza” per sconfiggere tutti i suoi compagni di squadra (Superman incluso) qualora diventino delle minacce. Per tutti questi anni, il Cavaliere Oscuro ha studiato ogni membro della Justice League cercando il suo punto debole, provando a capire come ucciderlo. Questa cosa ha logicamente sconvolto i membri del team, soprattutto visto che R’as al Ghul è riuscito a rubare questi piani, portando la JLA drammaticamente vicino alla sua fine. L’epica saga di Mark Waid e Howard Porter recentemente è stata raccolta in volume su DC Best vol. 6 dalla RW Lion, oppure su DC Comics: Le Grandi Storie dei Supereroi vol. 4 della Eaglemoss.

 

JLA: IL CHIODO
Di Alan Davis e Mark Farmer

Immaginate un mondo in cui un chiodo, un semplicissimo e come chiodo, riesce a cambiare la storia del mondo. Assurdo? Non proprio. In questa storia, ambientata in una realtà alternativa (dunque non quella ufficiale), un chiodo ha fatto forare una delle ruote del furgone che stava riportando a casa Jonathan e Martha Kent, impedendogli così di trovare il piccolo Kal El appena atterrato sul nostro pianeta. Qualcun altro troverà il kryptoniano, ma questo gli impedirà di diventare Superman… e in un mondo senza l’Uomo d’Acciaio, molte cose andranno in modo decisamente diverso rispetto a quelle che conosciamo. Una storia bella, intensa e disegnata divinamente da un Alan Davis in stato di grazia.

 

JUSTICE LEAGUE INTERNATIONAL
Di Keith Giffen, J.M. De Matteis e Kevin Maguire

 

Questa è sicuramente la versione più divertente che potrete mai leggere della Justice League. Un ciclo di storie ormai diventato cult, realizzato da due veri e propri giganti come Keith Giffen e J. M. De Matteis, coadiuvati al disegni da un ottimo Kevin Maguire. Un vero e proprio nuovo inizio per la League, che in quest’occasione diventa International e si presenta con una formazione composta soprattutto da eroi di secondo piano dell’universo DC, guidati da un Batman decisamente meno cupo rispetto a quello attuale. Se non avete mai letto nulla della Justice League e volete iniziare con un volume leggero e divertente, questo è assolutamente quello che fa per voi.

 

JLA ANNO UNO
Di Mark Waid e Barry Kitson

 

Probabilmente la miglior storia sulla Justice League scritta da Mark Waid, insieme a Torre di Babele. Sul finire degli anni 90 la DC Comics decise di ridefinire, una volta per tutte, le origini del team e lo scrittore, insieme all’estro di Barry Kitson, ha tirato fuori dal cilindro una miniserie di 12 numeri che coinvolge tutti gli eroi della casa editrice, modificando retroattivamente (con un’operazione che i gergo viene definita “retcon”) alcuni importanti particolari (Superman e Wonder Woman, per esempio, non sono più tra i membri fondatori ma arriveranno in un secondo momento, Diana in questa fase è stata sostituita da Black Canary). Raccolta in volume su DC Best n. 9 (Rw Lion) e in due cartonati pubblicati da Eaglemoss nella collana DC Comics: Le Grandi Storie dei Supereroi nn. 12 e 13.

 

LA NUOVA FRONTIERA
Di Darwyn Cooke

 

Ok, qui ho barato, lo ammetto: non è esattamente una storia della Justice League in senso stretto, ma è comunque una delle migliori avventure mai scritte nella lunga storia editoriale della DC Comics. Darwyn Cooke ha realizzato una storia bellissima con il suo stile inconfondibile, ambientandola storicamente tra la seconda guerra mondiale e l’epoca della guerra fredda. L’autore ha ha voluto far incontrare gli eroi della golden age con quelli della silver age: dall’incontro tra queste due realtà, nascerà una nuova e potentissima Justice League. La storia è fantastica e se dovete recuperarne solo una tra quelle che vi stiamo consigliando, andate tranquilli su questa: se non l’avete mai letta, siamo sicuri che ci ringrazierete.

 

JLA/VENDICATORI
Di Kurt Busiek e George Perez

Nessuno come Kurt Busiek conosce DC e Marvel: per lui sono una cosa sola, unica. Ed è proprio in virtù di questo che ha chiesto e ottenuto di realizzare JLA/AVENGERS, una storia che vede unite, per la prima volta, le due formazioni più rappresentative dei due editori. Se solo Busiek poteva scrivere una storia così divertente (un vero e proprio atto d’amore dedicato ai due gruppi), per i disegni non potevano che chiamare George Perez, l’unico che poteva mettere così tanti personaggi in una sola storia e far sembrare il tutto come se fosse la cosa più normale del mondo. Una storia dedicata agli appassionati di lunga data, un premio a chi pensa che in fondo, la tanto vociferata guerra tra Marvel e DC, in fondo non sia altro che una cavolata: sono due facce della stessa, incredibile medaglia.

 

LA JLA DI GRANT MORRISON
Di Grant Morrison e Howard Porter

 

La miglior Justice League di tutti i tempi, è probabilmente questa. Grant Morrison arriva dopo un periodo non proprio felice per la squadra e riparte non solo con una nuova serie, ma con un team di all star che la proietta subito ai vertici delle classifiche di vendita. L’intuizione dello scrittore scozzese è stata tanto semplice quanto azzeccata: riportare il gruppo alle origini, mettendo insieme i personaggi più iconici dell’universo DC. Ecco dunque Superman, Batman, Wonder Woman, Flash, Lanterna Verde, Aquaman e Martian Manhunter (che per decenni è stata una vera e propria colonna della JLA). Le storie appassionavano come non mai e per la prima volta il gruppo non si comportava semplicemente come una squadra da schierare per le emergenze, ma come un vero e proprio team affiatato. Era una Justice League a cui era facile volere bene, esaltata dai disegni di un Howard Porter al top della forma.

 

VENGA IL TUO REGNO
Di Mark Waid e Alex Ross

Anche se si tratta di un’elseworld (ossia di un racconto ambientato in una Terra immaginaria o parallela, comunque non collegato alla continuity ufficiale), Kingodom Come è stato inserito tra le pietre miliari della DC Comics praticamente già all’epoca dell’uscita. Ci troviamo in un futuro non tanto lontano, in cui una nuova e decisamente più violenta generazione di eroi ha costretto al ritiro Superman e gli altri difensori della Terra. Il problema è che oltre a essere decisamente più violenti, questi nuovi giustizieri sono anche disorganizzati, visto che non fanno altro che combinare danni su danni. Il culmine arriva quando l’evasione di un gruppo di metaumani sfocia in una tragedia… a quel punto Superman torna in azione dopo un periodo di esilio e con lui torneranno anche tutti i vecchi leoni della generazione precedente, imponendo un controllo sui giovani. Lo scontro, lo capirete bene, sarà assolutamente inevitabile… Il capolavoro di Mark Waid e Alex Ross, una storia assolutamente imprescindibile se amate i fumetti, l’arte e le storie epiche.

CRISI D’IDENTITÀ
Di Brad Meltzer e Rags Morales

Probabilmente la storia più importante della Justice League negli anni 2000. Inaspettata, che ti colpisce come un pugno allo stomaco. Brad Meltzer costruisce una storia che spiazza, inserendola nella continuity ufficiale della DC pre-Flashpoint e scombinando tutte le carte in tavola, creando accese discussioni tra i fan. Parte tutto da un omicidio, quello della moglie di Randolph “Ralph” Dibny, meglio conosciuto come Elongated Man. Le indagini per trovare il colpevole, che coinvolgeranno tutta la comunità supereroistica e – ovviamente – la Justice League in particolare, lo porteranno a rivelazioni sconvolgenti sui suoi “colleghi”. Una storia che lasciato cicatrici profonde nell’universo DC, dividendo ancora oggi i fan: la realtà è che si tratta di un ottimo fumetto, forse l’apice di Meltzer, che qui troviamo coadiuvato ai disegni da Rags Morales.


Mr. Kent

Appassionato di fumetti, curioso per natura, attratto irrimediabilmente da cose che il resto del mondo considera inutili o senza senso. Sono il direttore di MegaNerd e me ne vanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *