Barbara – Ecco il nuovo trailer del live-action del manga di Osamu Tezuka

Ecco il nuovo trailer dell’adattamento live-action di Barbara, una delle opere più adulte e sensuali del maestro Osamu Tezuka

Barbara live action

Aeon Entertainment ha diffuso un nuovo trailer di Barbara, l’adattamento live-action dell’omonima opera di Osamu Tezuka.

Il film debutterà nelle sale giapponesi il prossimo 20 Novembre. Annunciato nel 2018 per il novantesimo compleanno di Tezuka, questo live-action sarebbe dovuto uscire nel 2019. Si tratta di una produzione internazionale, che coinvolge la casa produttrice britannica Third Window Films, la giapponese TheFool e la casa tedesca Rapid Eye Movies. Della regia si è invece occupato Makoto Tezuka, figlio del celebre mangaka. Il volto di Barbara sarà quello di Fumi Nikaido, mentre lo scrittore Yosuke Mikura sarà interpretato da Goro Inagaki.

Il manga è stato pubblicato per la prima volta in Giappone sulla rivista Big Comics di Shogakukan nel 1973. Si tratta di una delle opere più adulte, sensuali e complesse di Tezuka. Al centro del turbine di lussuria e intrighi troviamo Yosuke Mikura, celebre scrittore idolatrato dalle masse, che cela un grande segreto. Mikura è preda di numerose pulsioni sessuali che non gli permettono di aprirsi con le altre persone. Questo finchè non incontra Barbara, una giovane e bella senzatetto che, completamente ubriaca, lo sorprende citando a memoria poeti francesi. Lo scrittore rimane profondamente affascinato dalla giovane e la accoglie in casa sua. Barbara diventerà poi la sua guida in un mondo nascosto di degenerazioni, stregoneria e ispirazione artistica senza pari, da cui uscire conservando la sanità mentale sembra impossibile.

Vi ricordiamo che, finalmente, Barbara è disponibile anche in Italia grazie a J-POP Manga, che ha pubblicato un volume unico per la collana Osamushi Collection.


Avatar

Chissia di Themyscira

Nata a Themyscira, smistata in Grifondoro, finita nel Sottosopra. Vivo la mia vita un tetramino alla volta, tra libri di storia e pagine che sanno di lillà e uvaspina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *