Yoshiyuki Tomino non ha dubbi: Il Giappone non è più il Paese leader dell’animazione

Yoshiyuki Tomino, una delle voci più importanti e influenti dell’animazione giapponese ha dichiarato che il Giappone non può più considerarsi leader in questo campo

Yoshiyuki Tomino non ha dubbi: Il Giappone non è più il Paese leader dell'animazione

Yoshiyuki Tomino, il creatore e regista tra gli altri di Gundam, Zambot 3, Daitarn 3,  indica la riluttanza a innovare e la concorrenza cinese come fattori che minacciano il dominio degli anime in Giappone. 

Il sito web d’informazione, con sede in Hokkaido, il Real Economy, ha riferito che Yoshiyuki Tomino ha parlato all’Hokkaido Museum of Modern Art in occasione della mostra “World of Yoshiyuki Tomino”, che si terrà a Sapporo fino al  23 gennaio. In quest’occasione, Tomino ha fatto diverse considerazioni sui creatori originari dell’Hokkaido con i quali ha lavorato, come Yoshikazu Yasuhiko (Mobile Suit Gundam), Tomonori Kogawa (Space Runaway Ideon) e Akira Yasuda (Turn A Gundam).

Inoltre, ha anche parlato delle sfide nell’ambiente creativo giapponese di oggi, avvertendo che “il Giappone non è più un leader nell’animazione“.

Man mano che le tecniche digitali si evolvono, sento che la posizione dell’industria dell’animazione sta diventando precaria“, ha affermato, menzionando le animazioni di alta qualità nei video musicali, come esempio di progresso tecnologico. “Come persona dell’industria degli anime, mi irrita che siano arrivati ​​così lontano da poter persino fare animazione. Ma questo è anche indicativo di come, usando l’animazione digitale, anche un singolo individuo può creare un insieme soddisfacente. La domanda è come dovrebbe la produzione anime giapponese, che si occupa di serie e opere basate sulla trama, tenere conto di questi sviluppi?

Tomino ha asserito  di percepire una certa indifferenza alla Sunrise nei confronti di queste innovazioni.  Il regista è convinto che sia lui che la Sunrise abbiano una responsabilità nella ricerca proattiva di nuovi talenti da crescere sino ad arrivare al punto che la vecchia scuola non sia avvertita più come una guida imprescindibile e necessaria.

Al contempo, spera anche che la generazione digitale, a sua volta, possa abbracciare gli ambienti di lavoro di squadra degli studi al fine di creare cose che non siano solo progetti personali, ma che possano anche essere considerate “intrattenimento aperto” dal pubblico.

Tomino ha poi proseguito sottolineando i rapidi sviluppi dell’animazione a Pechino, affermando che “stanno sviluppando opere di intrattenimento commerciale molto raffinate“. Ha detto che gli amanti degli anime che hanno frequentato le sue lezioni all’Università di Pechino 10 anni fa ora lavorano come professionisti nell’attuale industria dell’animazione cinese. “La cosa incredibile è che anche intellettuali di università famose come l’Università di Pechino sono entrati nel mondo degli anime“.

Yoshiyuki Tomino non ha dubbi: Il Giappone non è più il Paese leader dell'animazione(Huyao xiao hongniang)

Inoltre, ha affermato che il governo cinese ha sostenuto con forza la sua industria dell’animazione nazionale, come parte della sua politica statale. Ha detto che, in confronto, i politici giapponesi si comportano come se “fossero bloccati 30 o 40 anni nel passato“. “C’è il pericolo che se il Giappone continua a realizzare anime avendo come scopo solo il profitto, allora subiremo una sconfitta totale  dai ragazzi di Pechino“, ha avvertito.

Ma non ho intenzione di gettare la spugna. Non voglio perdere. Tuttavia, voglio che tutti sappiate che il Giappone non è più un leader nell’animazione. Nonostante questo, i media e il mondo degli affari non ne sono consapevoli“.

Il Maestro Tomino ha creato e diretto l’anime Mobile Suit Gundam nel 1979. Ha fatto il suo debutto alla Mushi Production di Osamu Tezuka, dove ha lavorato all’anime televisivo Astro Boy ed a Tortiton. Da allora ha diretto anime tra cui Zeta Gundam, Gundam ZZ, Char’s Counterattack, Gundam F91, Victory Gundam, Turn A Gundam, Muteki Kōjin Daitarn 3, Space Runaway Ideon, Aura Battler Dunbine e Gundam: Reconguista in G.

Cosa ne pensate delle riflessioni del Maestro Tomino, condividete la sua visione? Aspettiamo i vostri commenti per discuterne insieme.

Fonte: animenewsnetwork


Sig.ra Moroboshi

Contro il logorio della vita moderna, si difende leggendo una quantità esagerata di fumetti. Non adora altro Dio all'infuori di Tezuka. Cerca disperatamente da anni di rianimare il suo tamagotchi senza successo. Crede ancora che prima o poi, leggerà la fine di Berserk.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *