Gurren Lagann: una sorpresa inaspettata

Erano anni che aspettavamo qualche nuovo robottone che spaccasse il mondo. Stavolta tutto ha inizio in un lontanissimo futuro, l’umanità è costretta a vivere e ad espandersi nel sottosuolo senza poter avere contatti con il mondo in superficie. Il misterioso ritrovamento di un meccanismo luminoso a forma di trivella cambierà le sorti di molti.

Sfondamento dei cieli Gurren Lagann è un anime di 27 episodi, trasmesso per la prima volta in Giappone nel 2007 e dalla mai troppo rimpianta Rai 4 di Freccero nel 2009. La serie è prodotta dalla Gainax, che ritorna a occuparsi di robottoni dieci anni dopo Neon Genesis Evangelion ed è a dir poco sorprendente (mi stupisco ogni volta che ne parlo con qualcuno che non la conosce, per me dovrebbe essere popolarissima). Seppur tutto particolare, Gurren Lagann è un anime di genere mecha, fantascientifico e robotico, in cui all’inizio prevale la parte più demenziale e parodistica (è evidente che agli autori è piaciuto tanto Rocky Joe e che il Gurren Lagann deve molto a Zambot 3, ma in ogni puntata ci sono tante citazioni), piena di combattimenti sconclusionati ed esagerati ma capace di colpi di scena inaspettati. La serie, almeno inizialmente, è ambientata in un futuro in cui l’umanità è costretta a vivere sotto terra e ci narra le avventure di due orfani, Kamina coraggioso e smargiasso e Simon, più piccolo e timido.

Quest’ultimo per caso scopre una minuscola trivella (tutto l’anime è pieno di oggetti e metafore della spirale) che serve ad attivare un gunman: robot con il corpo a forma di faccia gigante con agganciate braccia e gambe. In breve torneranno in superficie a scontrarsi con gli uomini bestia che la dominano e incontrando tanti personaggi che si uniranno alla brigata Gurren, il gruppo di cui è a capo il carismatico Kamina. Meglio non scendere troppo nei dettagli della trama, perché è piena di colpi di scena. Verso la metà, la serie cambia addirittura registro narrativo, diventando meno fracassona e più fantascientifica, con i personaggi cresciuti dopo un gap temporale di sette anni. Personalmente preferisco le prime puntate, che si prendono meno sul serio e capaci di momenti di grande commozione.

Gurren Lagann rovescia tutti gli stereotipi del genere mecha e al tempo stesso lo rinnova con trovate originali. Nonostante il tono leggero, è data molta importanza all’approfondimento psicologico dei protagonisti (com’è solito per la Gainax, basti pensare al già citato Evangelion). Se Kamina è prepotente e porta avanti tesi completamente assurde con quale riesce a vincere battaglie surreali o per dare consigli al suo compagno di avventure («Simon, devi credere in te stesso! E non per la fiducia che io ripongo in te né per la fiducia che tu riponi in me! Ma per la parte di te che crede in te stesso!») ma è uno di quei personaggi sfaccettati che rimangono impressi. Simon è insicuro e lo vedremo crescere molto nel corso della storia, forte della sua determinazione incrollabile nei momenti di pericolo. Anche Yoko, guerriera che combatte gli uomini bestia incontrata già dalla prima puntata e i vari Rossiu, Kittan, le sue sorelle e i comprimari che mano a mano si aggiungono al gruppo, nonostante spesso rappresentino stereotipi, hanno una complessità di fondo che li rende originali e imprevedibili.

Per concludere, Sfondamento dei cieli Gurren Lagann è una chicca poco conosciuta che merita di essere scoperta, capace di divertire e di stupire per l’intensità e l’originalità. È anche facile da reperire, in quanto è attualmente in programmazione su Netflix: non avete altre scuse per lasciarvi trasportare dal potere della trivella!

Gurren Lagann: una sorpresa inaspettata

Gurren Lagann: una sorpresa inaspettata

Leggi tutte le nostre recensioni sulle serie TV
Avatar

Kinn

Fumetti, letteratura, cinema, animazione, musica: sono capace di esprimere un'opinione (possibilmente ipercritica) su tutto senza essere esperto di niente. Visto che non mi basta parlare (male) delle cose degli altri, scrivo racconti sul blog Spazinclusi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *