Frank Miller – Proteste ed esclusione dal Thought Bubble Festival

A seguito delle proteste esplose sul web, Frank Miller non sarà più ospite del Thought Bubble Festival, appuntamento britannico dedicato al fumetto. Ecco cos’è accaduto

Frank Miller - Proteste ed esclusione dal Thought Bubble Festival

Frank Miller è uno dei più importanti e influenti autori contemporanei e assicurarsi la sua presenza durante una convention dedicata ai fumetti è di certo un colpo non da poco. L’Autore figurava come l’ospite di punta del Thought Bubble Festival, appuntamento britannico dedicato al mondo del fumetto, in programmazione nello Yorkshire per novembre 2021.

Ad alzare per prima la voca è stata Zainab Akhtar, autrice e titolare di una casa editrice indipendente che su Twitter ha dichiarato che avrebbe boicottato il festival per la presenza all’evento di Miller, accusando lo stesso di islamofobia:

Tale retorica, secondo l’autrice, sarebbe presente a vario titolo nelle opere di Miller e soprattutto nel controverso graphic novel del 2011, Sacro Terrore (in Italia per Bao Publishing). In quest’opera assistiamo alle imprese del vigilante mascherato Fixer che combatte contro dei terroristi islamici. L’opera è una reazione ai fatti dell’11 settembre che la maggior parte dei critici, in effetti, trova islamofoba.

Il giorno dopo la pubblicazione del messaggio di Zainab Akhtar, gli organizzatori della convention hanno annunciato che Frank Miller non avrebbe più preso parte all’evento:

Zainab Akhtar ha ricevuto il sostegno di diversi colleghi che sono arrivati a definire la presenza di Miller un errore. L’Autore di Sin City, Ronin, Batman: Anno Uno, a seguito delle accese polemiche che l’hanno visto protagonista, ha deciso di non presenziare al Festival.

Cosa ne pensate delle accuse che hanno investito la figura di Miller? Aspettiamo i vostri commenti!


Sig.ra Moroboshi

Contro il logorio della vita moderna, si difende leggendo una quantità esagerata di fumetti. Non adora altro Dio all'infuori di Tezuka. Cerca disperatamente da anni di rianimare il suo tamagotchi senza successo. Crede ancora che prima o poi, leggerà la fine di Berserk.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *