Carnival Row – I rifugiati nel nuovo teaser della serie fantasy

Amazon Prime Video ha rilasciato un nuovo teaser trailer di Carnival Row, la serie fantasy con Cara Delevingne e Orlando Bloom che uscirà il 30 agosto sulla piattaforma streaming.

Carnival Row

Amazon Prime Video continua a darci assaggi di Carnival Row, la serie che sbarcherà sulla piattaforma streaming il 30 agosto e vedrà come protagonisti Cara Delevingne e Orlando Bloom. Si tratterà di un fantasy ambientato nell’epoca vittoriana, in cui creature fantastiche e esseri umani convivono in una pace precaria. I regni delle creature sono state infatti invase dagli imperi costruiti dall’uomo, costringendole a migrare e riempire sempre più le città, in una società intollerante che non consente loro di vivere, amare o circolare liberamente.

Ecco il nuovo teaser, in cui vediamo il trattamento dei rifugiati di Carnival Row:

La sinossi recita:

“Orlando Bloom e Cara Delevingne sono i protagonisti di Carnival Row, un mondo fantasy vittoriano pieno di creature mitologiche che si sono rifugiate in quel luogo come degli immigrati. Gli umani li spaventano; a loro è proibito vivere, amare o volare in libertà. Ma anche nelle tenebre, la speranza vive, nelle vesti di un detective umano e di una fatina, che si immischiano in un affare pericoloso. La pace inquieta della città crolla quando una serie di omicidi rivela un mostro a cui nessuno avrebbe mai pensato.”


A produrre la serie sarà Legendary Television e tra i produttori troviamo Marc GuggenheimRené EchevarriaJon AmielOrlando Bloom e Travis Beacham. Nel cast, oltre a Cara Delevingne e Orlando Bloom, vedremo Simon McBurney (The Borgias), David Gyasi (Interstellar), Tamzin Merchant (Salem), Andrew Gower (Outlander), Karla Crome (Under the Dome), Arty Froushan (Knightfall), Caroline Ford (Once Upon A Time), Indira Varma (Game of Thrones) e Jared Harris (Chernobyl).

Carnival Row è già stata rinnovata per una seconda stagione e arriverà su Amazon Prime Video il 30 agosto in lingua originale e doppiata in italiano il 22 novembre

 




Commenti