Braccio di Ferro ritorna in edicola per Nona Arte


Braccio di ferro, Olivia e gli spinaci stanno per tornare in edicola. Grazie a Nona Arte potremo infatti rivivere presto le avventure del lupo di mare

popeye-

 

Grosse novità in vista per Braccio di Ferro. Nona Arte torna infatti con una nuova proposta editoriale, appena annunciata su Facebook, riguardante Braccio di Ferro:

A novembre come Editoriale Cosmo pubblicheremo una nuova miniserie da edicola, a metà fra i progetti che normalmente realizziamo per La Gazzetta dello Sport o per Hachette e i nostri normali prodotti per i chioschi.
Con la curatela di Luca Boschi produrremo quattro numeri dedicati a Braccio di Ferro, ovviamente commentati come solo Luca sa fare.
Ci sarà molto Braccio italiano delle Edizioni Bianconi, ma non solo.
Quattro numeri mensili e poi per proseguire vedremo se ci avrete comprato anche questa volta…

Dunque a novembre Braccio di Ferro tornerà in un formato simile a quello degli allegati ai quotidiani RCS, per un totale di quattro numeri a cura di Luca Boschi.

Braccio di Ferro – un po’ di storia

Il 17 gennaio del 1929 esordiva uno dei personaggi più famosi dei fumetti e dei cartoon di ogni tempo, il marinaio Braccio di Ferro (in originale Popeye the Sailor Man)


Il mangiatore di spinaci più celebre dei fumetti è stato creato da Elzie Crisler Segar quasi 100 anni fa. Braccio è apparso in molti media diversi, dal mondo della carta a quello dell’animazione.

Il personaggio esordì sulla striscia a fumetti The Thimble Theatre che successivamente, in conseguenza del successo riscontrato dal personaggio, verrà rinominata Popeye. Il personaggio, infatti, venne ideato dal fumettista Segar come comprimario all’interno delle strisce quando Castor Oyl, protagonista iniziale della serie, vuole partire per l’Africa, ma prima deve trovare un marinaio per condurre la nave; e appunto pensa di trovare in Popeye il tipo adatto alle sue necessità. Dopo le prime apparizioni, Segar decide di promuoverlo a protagonista della serie che viene, come detto, ribattezzata con il suo nome.

Tuttavia la sua fama internazionale presso il grande pubblico la si deve alla serie di cortometraggi animati cinematografici intitolata appunto Popeye the Sailor e realizzata dalla Fleischer nel 1933.

Nel corso degli anni il personaggio non è comunque mai stato dimenticato, apparendo sia in comic book sia  in cartoni animati televisivi. Fino ad apparire anche in videogiochi e vario merchandising. Nel 1980 il regista Robert Altman lo rese protagonista anche di un film. E nel 1995 fu una delle venti serie a fumetti incluse nella serie commemorativa di francobolli statunitensi Comic Strip Classics.


Avatar

CapitanRyu

Nato con il Gameboy in mano, spendo tutto quel che ho in roba Nerd: videogames, anime, manga, figure, mi intriga tutto ciò che proviene dal misterioso mondo del Sol Levante. Storico per passione, Nerd di professione, non vedo l'ora di raccontarvi ciò che mi appassiona!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *