Addio a Masayuki Uemura, l’ideatore delle consolle NES e SNES

Si è spento a 78 anni Masayuki Uemura, l’ingegnere elettronico che ha progettato le consolle Nintendo e Super Nintendo

nes-creator-masayuki-uemura-on-the-birth-of-nintendos-first-console.jpg

Un’altra triste notizia arriva dall’Oriente in questo nefasto 2021. Il 6 Dicembre 2021 all’età di 78 anni, è morto Masayuki Uemura, l’ingegnere elettronico che è stato il creatore di due delle consolle più importanti della storia dei videogame: la Nintendo (NES) e la Super Nintendo (SNES).

Nato a Tokyo il 20 Giugno 1943, Uemura ha cominciato a lavorare all’età di 24 anni per la Sharp, prima di entrare nel 1971 alla Nintendo. Il suo primo compito fu quello di progettista di giochi basati sulle light gun fisiche, compreso il Laser Clay Shooting System, videogame popolare nelle sale giochi del Giappone negli anni ’70. Nel 1977 ha dato il suo contributo per lo sviluppo della Color TV Game, la prima consolle casalinga della storia.

Masayuki Uemura, creatore di NES e SNES, ci ha lasciato. | Vigamus Magazine

Nel 1981 il presidente di Nintendo Hiiroshi Yamauchi gli chiese personalmente di progettare un sistema casalingo con giochi intercambiabili. Dopo 2 anni di lavoro, l’equipe di Uemura diede vita al Family Computer, o Famicom (in occidente NES), consolle che venne lanciata sul mercato con 3 giochi: Popeye, ma soprattutto, Donkey Kong e Donkey Kong Jr.

Nonostante alcuni problemi che costrinsero la casa madre a ritirare le prime consolle, la Nintendo fu un successo senza precedenti nel paese del Sol Levante, vendendo 20 milioni di unità. Il team fu anche incaricato del design per il mercato occidentale della console, molto diverso da quello orientale, è la NES fece furore anche in Occidente vendendo 61,91 milioni di pezzi, numeri da capogiro per gli anni ’80.

Ovviamente a Uemura fu affidato l’incarico di creare anche la consolle evoluzione della NES, la Super NES a 16-bit che vendette 49 milioni di unità nel mondo. Il contributo dell’ingegnere alla causa Nintendo ha riguardato anche gli stessi giochi, contribuendo alla creazione delle versioni casalinghe tra l’altro di Donkey Kong, Donkey Kong Jr e Mario Bros, l’iconico videogame vera e propria punta di diamante dell’azienda giapponese.

Nel 2004 ha lasciato Nintendo, ma ha continuato a lavorare come consulente esterno, dedicandosi contemporaneamente all’insegnamento presso l’università Ritsumeikan, dove ha fondato il Ritsumeikan Center for Game Studies nel 2011, di cui è stato a capo fino al Marzo 2021.

Con Uemura se ne va un gran pezzo di storia. Senza di lui molto probabilmente molte delle attuali consolle non esisterebbero.

Grazie di tutto Masayuki Uemura.

Fonte: Videogames Chronicle.com


Doc. G

Il mio nome e' Doc. G , torinese di 36 anni lettore compulsivo di fumetti di quasi ogni genere (manga, italiano, comics) ma che ha una passione irrefrenabile per Spider-Man! Chi è il miglior Spider-Man per me? Chiunque ne indossi il costume.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.