Game of Thrones 8 – Maisie Williams: «Non immaginavo così il finale»

Maisie Williams, l’interprete di Arya Stark in Game of Thrones, aveva immaginato un altro finale per il suo personaggio

arya stark got 8

ATTENZIONE: QUESTO ARTICOLO CONTIENE SPOILER SUL FINALE DI GAME OF THRONES

 

Game of Thrones, l’epica serie TV ispirata dai romanzi di George R.R. Martin, è giunta alla sua conclusione dopo otto stagioni. La conclusione della serie ha diviso molto i fan, alcuni hanno apprezzato come si sono chiusi i vari archi narrativi, altri, invece, non hanno lesinato critiche (addirittura è stata lanciata una petizione che chiedeva di rigirare l’ultima stagione). David Benioff e D.B. Weiss, i due creatori della serie televisiva, come prevedibile, hanno raccolto sia applausi che fischi per le decisioni prese.

Da quando è andato in onda l’episodio finale, agli attori viene rivolta sempre la stessa domanda: ma a te è piaciuto il finale del tuo personaggio? Maisie Williams, interprete di Arya Stark, si è sbottonata parecchio, raccontando che in effetti non se lo sarebbe immaginato proprio così.

Volevo che Arya uccidesse Cersei, sebbene questo avrebbe significato anche la morte di Arya. Fino al punto in cui Cersei è con Jaime, [mentre leggevo la sceneggiatura] ho pensato, ‘Sta per togliersi la faccia [rivelando che si trattasse di Arya], finendo col morire entrambe. Ho pensato fosse questo il destino di Arya.

Arya dunque non è riuscita a ottenere la vendetta che desiderava da anni e questo ha un po’ dispiaciuto Maisie. L’attrice prosegue le sue dichiarazioni commentando i fatti che hanno coinvolto il suo personaggio nell’ultimo episodio:

Non è un finale alla Game of Thrones quello di Arya, è un lieto fine. Mi ha dato la possibilità di portarla in un posto dove mai avrei pensato di tornare con lei.

L’attrice si è poi lasciata andare ad alcune riflessioni circa questo tema. Come mai Arya non ha avuto un finale in stile Game of Thrones? Come mai proprio questo lieto fine, dopo tutta la violenza che aveva dovuto subire?


Il Mastino dice: ‘Vuoi essere come me? Vuoi vivere la tua vita come me’. Nella mia testa, la risposta è stata: ‘Sì’. Ma suppongo che andare a letto con Gendry, rivedere Jon, rendersi conto che non stava combattendo solo per se stessa ma anche per la sua famiglia, abbia fatto emergere tutti questi sentimenti umani che Arya non sentiva da molto tempo. Quando il Mastino le chiede se ha un’altra opzione, si rende conto all’improvviso che ci sono tante altre cose nella sua vita che può vivere, che può fare. È stato uno shock per me, perché non era così che avevo immaginato sarebbero andate le cose per lei nell’ultima stagione. Poi ho scoperto che c’erano altre cose che potevo interpretare, riportando Arya ai suoi 16 anni.

Maisie dunque alla fine ha in qualche modo approvato questo finale, donando ad Arya un po’ di pace. Voi che ne pensate? Come al solito aspettiamo i vostri commenti, dunque fatevi sentire!

 



Commenti