Zuckerberg rinomina la sua azienda Meta

Durante l’evento Facebook Connect, Mark Zuckerberg ha annunciato la rinomina dell’azienda, ecco tutte le novità dall’universo Facebook

Il 27 ottobre, durante l’evento Facebook Connect, Mark Zuckerberg ha annunciato che l’azienda verrà ribattezzata META. Anche il logo cambia, sarà un infinito blu leggermente pressato.
Non cambiano i nomi delle singole app e della forma societaria, anche se le quote azionarie prenderanno l’acronimo MVRS. Per Mark il concetto odierno di social network è ormai superato, ecco perché ha posto la realtà virtuale al centro della sua strategia futura.

Cosa cambia nel passaggio da Facebook a Meta?

La nuova missione è il Metaverso, cioè l’evoluzione del mobile internet su cui l’azienda ha investito 10 miliardi di dollari nel 2021.Sarà uno spazio virtuale in cui si riscriverà la storia della socializzazione e il lavoro via web. La navigazione sarà quindi in prima persona, si potrà entrare e uscire dal web senza limitarsi a fissare uno schermo. Una sorta di Internet in 3D dove ci si potrà incontrare, giocare, andare a un concerto o allo stadio, lavorare e fare acquisti sotto forma di avatar, passeggiando per le strade virtuali del metaverso. Gli speciali visiori con le specifiche App che verranno sviluppati, saranno in grado di riprodurre le espressioni facciali e il linguaggio del corpo.

Potremmo pensare che un primo passo è stato fatto nel marzo del 2014, quando Zuckerberg aveva acquistato l’azienda Oculus, specializzata proprio nella creazione di visori per la realtà aumentata, che per ora hanno impiego solo nel campo Gaming.
Un secondo passo è stato fatto, creando il software per riunioni remoto Horizon Workrooms da utilizzare indossando gli Oculus. L’evoluzione del software sarà quello di create una sorta di meeting online ma con gli avatar a cui accedere tramite l’app, una volta indossato il visore Oculus Quest.

Ci vorrano almeno dieci anni prima che tutto questo possa vedere la luce, ma Zuckerberg crede fermamente che sarà un progetto rivoluzionario. La compagnia collaborerà con diversi partner importanti per poter portare a temine il progetto. Epic Games e Microsoft sono già a lavoro. Il fondatore di Facebook ha spiegato che:

 «Teletrasportarsi nel metaverso sarà come cliccare un link su Internet: uno standard aperto. Serve interoperabilità»

Gli amanti del genere fantascientifico sanno bene che il temine Metaverso venne coniato nel 1992 da Neal Stephenson nel suo libro di fantascienza cyberpunk, Snow Crush. Nonché, la trama del libro Ready Player One di Ernest Cline, da cui è stato tratto il film omonimo di successo del 2018, è proprio ambientata in un Metaverso del tutto simile alla visione di Zuckerberg.
Quindi, dieci anni di attesa per poter veder realizzato il sogno di ogni appassionato, non sembra neanche un lasso di tempo così lungo.

Voi cosa ne pensate?
Fatecelo sapere nei commenti!


Nissareading

Divoratrice di libri, fumetti e manga, affronta la vita un passo di libro alla volta, trovando ispirazione dai Samurai e da Batman.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *