Wrestling – Scott Hall “Razor Ramon” è in condizioni gravissime

Dobbiamo purtroppo dare notizia che Scott Hall, “Razor Ramon” per tutti gli amanti del wrestling, è attualmente ricoverato e intubato. L’amico Kevin Nash annuncia che presto la famiglia staccherà la spina

Scott-Hall-Net-Worth-razor-ramon

Il primo a darne conto, nella giornata di ieri, è stato il sito specializzato Pro Wrestling Toch. Per gravi complicazioni seguite ad un intervento per una protesi all’anca subito la settimana scorsa, durante la notte la stella del wrestling Scott Hall “Razor Ramon” è stato vittima di tre arresti cardiaci e in questo momento si trova in fin di vita al Wellstar Kennestone Hospital di Marietta, in Georgia. Il suo collega e amico di una vita, “Diesel” Kevin Nash, gli ha dedicato un post su Instagram che, purtoppo, non lascia margini di speranza: «Scott è tenuto in vita dalle macchine. Quando la sua famiglia lo avrà raggiunto in ospedale verrà staccata la spina. Sto per perdere la persona con cui ho passato più tempo di chiunque altro nella mia vita. Ho il cuore spezzato e sono molto triste».

La carriera di Hall era cominciata negli anni Ottanta nella American Wrestling Association in coppia con Curt Hennig (in seguito conosciuto come “Mr Perfect”). L’affermazione definitiva sarebbe arrivata all’inizio dei Novanta nella World Wrestling Federation nei panni di Razor Ramon e, soprattutto, nella World Championship Wrestling. Qui, formando insieme a Nash e Hulk Hogan il gruppo chiamato New World Order, Hall si sarebbe affermato come una delle più grandi stelle della storia del wrestling. Negli ultimi anni, dopo un travagliato percorso di disintossicazione, Hall era entrato per ben due volte nella Hall of Fame della WWE: la prima volta individualmente nel 2014 e la seconda nel 2020 come mebro dell’NWO.


Gianluca Caporlingua

Cresciuto (???) giocando a calcio e sbucciandomi le ginocchia sui campi in terra della provincia siciliana. Da bambino, però, il sogno (rimasto nel cassetto) era quello di fare il wrestler. Dato che mia madre non mi avrebbe mai permesso di picchiare gli altri, ho deciso di cominciare a scrivere le storie dei miei eroi. Oggi le racconto filtrandole coi ricordi d'infanzia.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.