Wonder Woman – Jim Lee vorrebbe lavorare sull’Amazzone

Jim Lee, artista di punta di casa DC Comics, nello scorso DC FanDome ha espresso il desiderio di lavorare ad una run su Wonder Woman

wonder-woman-750-lee-and-williams-1

La matita di Jim Lee ha per anni impreziosito le icone di casa DC. Ora, il brillante fumettista (nonché publisher e chief creative officer della casa editrice) vorrebbe avere la possibilità di lavorare su Wonder Woman.

Durante il DC FanDome, Lee ha dichiarato:

Ci sono un paio di run che ipoteticamente vorrei realizzare. La prima, su Wonder Woman. Ho scritto due run su Superman, due anche su Batman, ma non ho fatto nulla per Wonder Woman.

Ho una vera passione per il personaggio. Ho amato quel che John Byrne ha realizzato sull’Amazzone, e ovviamente George Perez mi ha mostrato quanto possa essere accattivante la sua mitologia nel mondo odierno. La sua run su Wonder Woman negli anni ’80 ha davvero alzato l’asticella.

Dovrei collaborare con uno scrittore davvero fantastico, e mi piacerebbe aggiungere nuovi elementi alla sua mitologia. Credo che la sua galleria dei nemici avrebbe bisogno di qualche espansione. Vorrei poter approfondire maggiormente la storia delle Amazzoni e la loro tecnologia; ci sono tantissime cose intriganti che potremmo fare.

Inoltre, Jim Lee ha illustrato anche altri progetti sui quali gli piacerebbe intervenire:

Vorrei lavorare anche a Justice Society of America di Terra-2, e la Legione dei Super Eroi. Amo l’idea di personaggi adolescenti provenienti dal futuro; è un tema estremamente pertinente oggigiorno. Amo tutti i poteri, ce ne sono talmente tanti che non rischi mai di annoiarti nel disegnarli.

Ci sono altri progetti, ma sarebbe fantastico fare una maxi-serie di dodici uscite, o anche di sei di uno di questi personaggi. Si tratta solo di trovare il tempo e uno scrittore fantastico. Mai dire mai.


Avatar

Chissia di Themyscira

Nata a Themyscira, smistata in Grifondoro, finita nel Sottosopra. Vivo la mia vita un tetramino alla volta, tra libri di storia e pagine che sanno di lillà e uvaspina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *