Wonder Woman 1984 – Patty Jenkins esclude l’uscita in streaming

Da alcuni giorni circolavano voci insistenti circa l’uscita di Wonder Woman 1984 in streaming. A smentire il tutto è arrivata direttamente Patty Jenkins

Wonder Woman 1984

Vista la pandemia, l’uscita di Wonder Woman 1984 nelle sale è stata rinviata per ben tre volte. A meno di ulteriori rinvii, la nuova pellicola sull’amazzone di casa DC dovrebbe arrivare il 25 Dicembre nelle sale americane. In Italia invece, per vedere di nuovo Gal Gadot in azione dovremo aspettare il 14 gennaio 2021.

Tuttavia, vista soprattutto la grande ondata di rinvii delle prossime pellicole di casa Warner Bros., i fan continuano a nutrire molti dubbi. Nelle ultime ore infatti si erano intensificate le voci su una presunta uscita del film direttamente in streaming, come accaduto con Mulan su Disney+. A smentire il tutto ci ha pensato direttamente Patty Jenkins, regista di entrambe le pellicole con protagonista Diana di Themyscira.

Sul suo profilo Twitter ufficiale, la regista ha infatti affermato che:

Un debutto direttamente in streaming non è stato neanche preso in considerazione. Siamo 100% favorevoli all’esperienza cinematografica per Wonder Woman 1984 e decisi a sostenere le nostre amate sale cinematografiche.

La Jenkins, in un’intervista con Reuters, ha però sottolineato che si tratta di una situazione molto critica e ha lanciato un appello per salvaguardare i cinema. La regista teme infatti che gli studi possano decidere di puntare tutto sullo streaming e che si presti sempre meno attenzione all’esperienza in sala.

Non si tratterà di un processo reversibile. Potremmo perdere il cinema per sempre. (…) Non credo che ci sia qualcuno che voglia vivere in un mondo dove l’unico posto in cui puoi portare i tuoi figli a vedere un film è il salotto, o dove non c’è un posto dove andare al primo appuntamento. 


Sfoglia tutti i film recensiti da MegaNerd!
Avatar

Chissia di Themyscira

Nata a Themyscira, smistata in Grifondoro, finita nel Sottosopra. Vivo la mia vita un tetramino alla volta, tra libri di storia e pagine che sanno di lillà e uvaspina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *