Teletubbies – I volti degli attori dei quattro protagonisti

Per tutti coloro ch’erano bambini negli anni 2000, questo è quasi un momento catartico. Chi si è celato dietro ai quattro, coloratissimi, Teletubbies, Tinky-Winky, Dipsy, Laa-Laa e Po? Ecco i volti degli attori

Per chiunque non lo sapesse, I Teletubbies era una serie per bambini creata dalla BBC e prodotta tra il 1997 e il 2001 dalla Ragdoll Productions. In Italia è stata trasmessa per la prima volta dalla Rai, dapprima su RaiSat Ragazzi (dal 1º luglio 1999) e poi, in chiaro, su Rai 3 (dal giugno 2000).

I protagonisti erano quattro peluche giganti dai colori sgargianti e dal sorriso contagioso, immersi in un ambiente floreale e un cielo terso, al cui centro troneggiava un sole col volto d’un bambino.

Ma ora sveliamo chi si celava dietro alle maschere:

Sotto quella del verde Dipsy, c’era John Simmit, attore e cabarettista britannico.
Qui il suo Instagram.

Tinky Winky era interpretato da Simon Shelton, attore britannico che, purtroppo, ci ha lasciati lo scorso 2018.

Teletubbies - I volti degli attori dei quattro protagonisti

Il giallo Laa Laa era Nikky Smedley, attrice britannica che venne stata sostituita nella serie del 2015 da Rebecca Hyland.

Ed il rosso Po era interpretato da Pui Fan Lee, è un’attrice e presentatrice britannica. Insieme a Sue Monroe, Chris Jarvis e Sidney Sloane è stata una delle prime presentatrici di CBeebies.

Ultima, ma non per importanza, la bimba-Soleinterpretata dall’allora piccolissima Jessica Smith.

Teletubbies - I volti degli attori dei quattro protagonisti

So che siamo tutti abituati a vederli nelle vesti dei quattro pupazzetti (e del sole animato) ma è bello potergli dare anche un volto più…umano, no? Siete d’accordo?

Fonte


17Katharsis

Cavaliere Jedi dalla nascita, sogna di vivere nel Tardis e viaggiare nelle galassie lontane lontane. 
Mentre prova a rendere il desiderio realtà, si tiene aggiornata su storie, avventure e giochi terrestri. Perdutamente affascinata da tutto ciò che ancora non conosce, soprattutto se nerd.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *