Star Wars – Rian Johnson e le divergenze con Mark Hamill su Luke Skywalker

Nel corso di una lunga intervista rilasciata per Empire, Rian Johnson racconta delle divergenze nate con Mark Hamil su Luke Skywalker

star-wars-rian-johnson-luke-skywalker-mark-hamill-e1574981979126

 

Siamo abituati a leggere molte cose scritte in giro relative all’universo di Star Wars e i suoi protagonisti. In poche occasioni abbiamo letto critiche sull’opera o su una dei suoi adattamenti. Questa volta invece punteremo l’attenzione proprio su alcune polemiche che il regista Rian Johnson ha sollevato nei confronti di Mark Hamill.

Nel dettaglio, il regista fa riferimento al fatto che per quanto Mark Hamill abbia rappresentato con grande professionaltà il personaggio di Luke Skywalker, resta sempre un interprete e non il “proprietario” del personaggio stesso.

Mi spiegherò e cercherò di usare le mie parole con attenzione non tanto per essere diplomatico, ma perché non voglio inquadrare l’esperienza avuta da Mark tramite il mio punto di vista perché in nessun modo potrei mettermi nei panni di Mark o Carrie che hanno vissuto tutte le loro vite venendo collegati a questi personaggi. A cosa possa aver significato interpretarli a vent’anni e poi essere tornati a farlo in questi film in cui sono state consegnate loro delle sceneggiature in cui c’era scritto “Ecco, adesso siete così”. Non posso neanche lontanamente immaginare cosa possano aver provato, è impossibile. E se Mark Hamill mi sta parlando di Luke Skywalker è mio dovere ascoltare, riflettere su ciò che mi dice e discutere con lui scambiando le nostre opinioni. E scandagliare con onestà le profondità della mia anima cercando di comprendere se quello che ho scritto sia giusto. Tenendo anche a mente che, ovviamente, lui ha creato questo personaggio sul grande schermo, ma che lui è Mark Hamill, non è davvero Luke Skywalker. Che è un personaggio che vive, in quanto creazione, su uno schermo. Luke Skywalker è come un mito. Che, in quanto tale, vive nella mente delle persone che lo ascoltano e credono a lui nei modi più disparati. Compreso me. Insomma, è complicato. Ma la risposta corta alla tua domanda è che è stato fo**utamente terrificante

Nell’intervista è chiaro che il regista rispetta molto Hamill e in particolar modo l’interpretazione che esso ha dato di Skywalker. Tuttavia, nonostante Johnson si ritiene sempre ad orecchie aperte quando Hamill ha qualcosa da suggerire, lo stesso suggerisce all’attore di “abbassare un po’ la cresta” e ricordare che il copione è scritto da lui e che quindi debba attensersi a ciò che c’è scritto.

Polemica abbastanza sterile, se paragonata ai risultati ottenuti sia per i lavori del passato, sia per quanto riguarda Star Wars: Gli Ultimi Jedi. Lavori cinematografici che hanno cambiato il cinema di settore e che hanno sempre ricevuto un’accoglienza dalla critica davvero straordinaria. In conclusione però potremmo dire che del sano “chiacchiericcio” da salotto alimenta sempre l’attenzione nei confronti dei progetti, quindi, magari le polemiche di Johnson potrebbero aprire un dibattito sulla questione abbastanza interessante.

Per leggere altre curiosità ti invitiamo a consultare il seguente link.


Sfoglia tutti i film recensiti da MegaNerd!
Avatar photo

La Mustang

Facebook MeganerdInstagram Meganerd
Appassionata di musica, anime, manga e serie tv, vivo la vita come se fossi la protagonista di un teen drama. Anche adesso che ho passato la 30ina. Amo scrivere di tutto ciò che mi emoziona ed è da piccola che sogno di sposare Goku e salvare il mondo insieme a lui!

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.