Serie TV – I cinque finali più deludenti

Uno speciale simpatico, volutamente sopra le righe, ma tragicamente vero, ci mostra quelli che sono – a giudizio del nostro Alessandro – i cinque finali più deludenti mai apparsi in una serie TV. Attenzione, l’articolo contiene valanghe di spoiler!

Questo è un articolo che non avrei mai pensato di dover scrivere, ma recenti, tragici avvenimenti hanno fatto sì che molti di noi, recensori dalla tastiera acida, siano stati costretti a rivedere la Superclassifica dei finali peggiori delle serie TV !

Ovviamente contiene valanghe di Spoiler! DANGER !

Di seguito quindi le posizioni aggiornate :

 

Alla posizione numero FIVE :
How I Met Your Mother



L’involuzione repentina del personaggio di Barney è nulla in confronto al modo sbrigativo e superficiale con il quale ci hanno finalmente presentato il fulcro della serie, ovvero la MADREH dei ragazzi…

l tutto per poi farla morire velocemente, senza pietà e virare sul “permesso” che Ted chiederà ai figli per provarci di nuovo con la Zia Robin (in fondo mamma è schiattata da oltre 6 anni, eccheccazz.), offrendole di nuovo il corno blu che fu rubato nelle primissime puntate…ommioddio commozione…NO.

Cioè, in pratica la serie non verte sul come Ted abbia conosciuto la madre dei suoi figli, che praticamente è solo il titolo, ma su come Ted sia finito di nuovo a fare il ganzo con Robin. Oh, che bello.
Ma in fondo parliamo di una serie di tipo Commedia, quindi sta bene al quinto posto.

 

Alla posizione t4nti numeri: Due Uomini e Mezzo

Ok che il rapporto tra Charlie Sheen e Chuck Lorre non fosse dei migliori… ma vedere un finale dove Charlie, o meglio, una sua EVIDENTISSIMA controfigura di spalle, schiattasse davanti alla propria casa, per colpa di un pianoforte caduto dal cielo… boh…

Sa tanto di ripicca tra ragazzini e mi costringe ad inserire una dose massiccia di puntini di sospensione perché non so veramente cosa dire senza tirare fuori degli insulti.

 

Sul gradino più basso del podio: Lost

Una serie appassionante, che ci ha regalato tensione, brividi, paura. Una serie che è partita come una cosa, poi è diventata un’altra cosa, poi un’altra ancora e così via fino alla fine. Praticamente è partita Cast Away ed è diventata Ritorno al Futuro. Ci ha riempito la testa di domande e misteri e… ecco appunto. Ma le risposte?
Con i buchi di trama che facciamo?

Il sospetto è che gli sceneggiatori abbiano incasinato tutto a tal punto, che loro stessi non sono più stati in grado di seguire un filo logico.

Chi la interpreta in un modo, chi in un altro, chi dice che sono morti tutti prima dello schianto, chi dopo, chi mette in mezzo Dio, il purgatorio (la più gettonata), chi la giustifica, chi la condanna. La verità è solo che è un finale brutto e non risolve quasi nulla, lasciando un grosso punto interrogativo in testa a tutti ed un senso d’insoddisfazione misto a vuoto cosmico.

Alla posizione Quasi Primo: Dexter

Fino a poco tempo fa era il re indiscusso dei finali di M€@D4, il punto di riferimento per chiunque volesse sfogare le proprie frustrazioni lanciando maledizioni agli sceneggiatori cani, figli di sceneggiatori cani ma il destino ha voluto che venisse scalzato dalla sua storica posizione, come vedremo più avanti.

Il finale di Dexter è semplicemente INACCETTABILE (riferimento ai taglialegna hihihi hohoho che simpatia).

Già il fatto che Miami avesse la più alta concentrazione di serial killers del globo mi aveva fatto storcere un po’ il naso ma va beh. Le ultime due serie mi hanno proprio spento il cervello, ma il finale non ha veramente senso.

Tutta quella fatica per farsi una famiglia, una evoluzione del personaggio durata millemila puntate, lenta e costante, tutti i drammi interiori che lo consumavano giorno dopo giorno, il poveraccio del padre che gli stava appresso anche da morto e niente.

Zero assoluto.

Il vuoto, come la sua espressione nell’ultima inquadratura, poco dopo aver mostrato il suo nuovo costume da Mr. Lumberjack.

 

Alla posizione HO VINTO: Game of Thrones

Signore e signori ecco a voi la regina dello schifo !

Cioè… Game of Thrones era la serie che la gente non voleva seguire perché “non succede mai un [email protected], parlano sempre” e noi prontamente rispondevamo “ma è proprio quello il bello della serie“, poi a smentirli: il red wedding, Jeoffrey che muore male ma MALE MALE, personaggi principali che esplodono uno in fila all’altro… e invece alla fine ogni personaggio dice una frase e mezza a puntata, che non serve A NIENTE.

Jon Snow passa da eroe della serie a pupazzo lobotomizzato inutile che sa solo dire “she’s my queen” a rotella.

Era meglio se esplodevi assieme al Night King, brutto assassino di regine, infame e disertore.

 Daenerys impazzisce A CASO e brucia una marea di bambini, madri e vecchi ma NON UN CAVALLO che sembra un simbolo, una speranza, una luce divina e invece non è niente! NIENTE!

Varys muore come un pirla, fanno fuori tutti i personaggi mezzi inutili ma NON i protagonisti (vi giuro ho sperato nell’ecatombe), eleggono Bran lo Spezzato come RE

ma dei SEI regni, perché il Nord va per caxxi suoi, Jon esiliato come un poveraccio perché ha ammazzato la regina, Arya Cristoforo Colombo /Magellano completamente nonsense, Tyrion di nuovo Hand of the King, Bronn Maestro del Conio (?!) ma perchéééééééééééé???

Ok mi calmo…

Ma che fine ha fatto l’evoluzione dei personaggi?

Sono stati tutti violentati nell’anima, ridotti a pupazzi con 3 frasi nel repertorio, oggetto di fanservice uno dopo l’altro, pedine consapevoli di un finale pensato e scritto malissimo.

Niente più trama intrecciata, niente più giochi di potere subdoli, niente più stupore misto a meraviglia.

Solo botti e fiamme.

Ho amato tantissimo questa serie, fino ad eleggerla ufficialmente come mia preferita qualche anno fa, ho aspettato ogni singola puntata con ansia e con l’orologio alla mano, fatta conoscere a tante persone e seguita insieme a loro, fino al terribile declino, in un abisso senza fondo, dove primeggia però come serie con il PEGGIOR FINALE DI SEMPRE.

 

Siete d’accordo? Fatecelo sapere nei commenti !

 

 

 

 



Commenti