MAO – Le nostre impressioni a caldo sul primo volume

Abbiamo letto il primo volume di MAO, l’ultima opera dell’infaticabile Sensei Rumiko Takahashi. Queste sono le nostre impressioni a caldo

recensione mao 2

È sempre emozionante avere tra le mani un’opera nuova di un grande Autore. Ancor prima d’iniziare a leggere, si sovrappongono nella nostra mente aspettative, speranze, certezze su alcune scelte stilistiche che gli ammiratori, e i critici, conoscono come le loro tasche.

Edizioni Star Comics arricchisce la sua libreria (e la nostra) con la nuova opera in corso della Sensei Rumiko Takahashi: MAO. Ovviamente, inaugurare la nuova serializzazione di chi ha firmato Maison Ikkoku, Lamù, Ranma 1/2 e via discorrendo, è un evento non da poco. In fondo vi diamo tutti i dettagli del lancio speciale pensato della Casa Editrice. L’uscita del primo volume è prevista il 14 ottobre 2020.

Spoiler Alert: Inevitabilmente, parlando del primo volume di un’opera, riveleremo alcuni dettagli della trama.

Di cosa parla MAO? Nanoka Kiba è una ragazza che frequenta la terza media.

MAO

Quando aveva sette anni riuscì a sopravvivere miracolosamente a un incidente stradale in cui i suoi genitori persero la vita. Oggi la nostra protagonista vive con il nonno e la governante che le prepara ogni giorno un disgustoso concentrato energetico, perché cagionevole di salute.

MAO

Ritrovandosi a passare con le sue compagne di scuola per il luogo nefasto dell’accaduto, Nanoka si ritrova catapultata nel medesimo luogo, ma in epoca Taisho! Qui la ragazza viene attaccata da un enorme yokai mantide. È in questa occasione che farà la conoscenza dell’onmyoji Mao e del piccolo shikigami Otoya. È come se il vero spirito di Nanoka fosse rimasto dormiente in tutti questi anni. Ora c’è qualcosa in lei che si sta risvegliando. Chi, o meglio, cos’è Nanoka? Tornata nella sua epoca, Nanoka sente scorrere nelle sue vene una forza mai avuta prima. Decisa a comprendere cosa le stia accadendo, attraverso una sorta di portale temporale, riesce a tornare nuovamente da Mao.

Inizia così questo manga che strizza l’occhio all’horror, anche se in modo molto morbido, ambientato a cavallo tra il Giappone del passato e i giorni nostri, che racconta le avventure di due protagonisti legati dal destino e costretti a fronteggiare un’oscura sorte!

MAO

Rumiko Takahashi conferma le scelte narrative di Inuyasha prima e di Rinne poi, presentandoci protagonisti appartenenti, almeno apparentemente, a mondi diversi legati dal filo dispettoso del destino. Attingendo a piene mani alla tradizione folkloristica e alla religione del suo Paese, l’Autrice è ancora una volta veicolo prezioso per tutti noi curiosi e appassionati della cultura giapponese. Il primo volume, tredici capitoli, introducono a dovere i protagonisti principali e pongono gli interrogativi base a cui dovremo impegnarci a dare delle risposte; inoltre, avremo un assaggio delle prime avventure (e del sangue freddo di Mao).

La Sensei Takahashi, come molti sapranno, a partire da Inuyasha, ha dichiarato apertamente il proprio percorso, ciò che le interessa raccontare e far conoscere. Con MAO i toni si fanno seri, non c’è dubbio. Siamo lontani, almeno per ora, dal tono spensierato e dalle gag, dai giochi degli equivoci dei quali lei è Maestra indiscussa. Mao, il suo nuovo “giovane” protagonista, è stato maledetto da una creatura orribile (lo è davvero) e non possiamo che comprendere la scomparsa del sorriso dal suo volto.

Per quanto attiene allo stile di disegno, Rumiko Takahashi è fedele ai suoi canoni che hanno contribuito a renderla famosa. Si gioca con l’essenziale e con alcuni tratti distintivi dei protagonisti che ve li faranno riconoscere tra mille. Potremmo provare a metterli di spalle e riconoscere le sue creature dai capelli, non credete? Gli unici che potrebbero trarci in inganno sono Godai e Ataru (forse). Per il resto abbiamo il codino di Ranma, i capelli argentei di Inuyasha, la chioma che più rossa non si può di Rinne. Mao ha una chioma bicolore, bianca e nera che un po’ ci ricorda il Black Jack di tezukiana memoria. Medesimo discorso per le protagoniste femminili. Con Nanoka torniamo allo stile di Akane Tendo, in una parola: adorabile.

Come abbiamo detto in apertura, non è facile dare un parere in modo asettico sulla nuova opera di un’Autrice così cara, così preziosa che a molti ha spalancato le porte della conoscenza di un mondo composito, gigantesco, come quello della cultura manga. Alcune delle sue opere sono state sicuramente tra le prime letture di ogni professato lettore del genere. Questo preambolo è necessario per affermare convintamente che MAO è anche una lettura dovuta per chi segue la Sensei.

Ora invece, a prescindere dai sentimentalismi e dagli oneri morali, convintamente MAO è da provare. Indubbiamente la lettura sarà più facile per chi conosce i meccanismi cari all’Autrice ma ha tutti gli elementi per far sorgere un’ottima dose di curiosità nei nuovi lettori.

Mao, Nanoka e Otoya si troveranno a dover unire le forze e far fronte a possessioni e agghiaccianti casi soprannaturali. Cosa nasconde dentro di sé Nanoka e chi ha maledetto Mao? Non possiamo che starcene buoni, buoni e aspettare. Nel frattempo, ecco cosa propone la Star per festeggiare la prima uscita di MAO:

RumikoTakahashi Special Pack

La prima uscita di MAO e il volume A CENA CON LA STREGA, una raccolta di storie brevi della stessa autrice, saranno protagonisti di una sorpresa speciale per tutti i lettori italiani.

In contemporanea con l’uscita dei due volumi, il 14 ottobre, sarà disponibile in due versioni il RUMIKO TAKAHASHI SPECIAL PACK.

La prima versione, disponibile solo in fumetteria e a tiratura limitata, conterrà un esclusivissimo mini shikishi realizzato dall’autrice appositamente per i fan italiani.

La seconda – a tiratura limitatissima in esclusiva per Lucca Changes 2020 e acquistabile solo sullo store Amazon del festival – comprenderà due cartoline realizzate appositamente per l’occasione.

MAO è, per ora, l’ultimo tassello della fantasia inesauribile di una Maestra. Assolutamente da provare!

 

 

Abbiamo parlato di:

MAO

MAO

Autrice: Rumiko Takahashi
Editore: Edizioni Star Comics
Volumi pubblicati in Italia: annunciato il n. 1
Formato: 11,5×17,5, B, b/n, pp. 192
Voto:

Avatar

Sig.ra Moroboshi

Contro il logorio della vita moderna, si difende leggendo una quantità esagerata di fumetti. Non adora altro Dio all'infuori di Tezuka. Cerca disperatamente da anni di rianimare il suo tamagotchi senza successo. Crede ancora che prima o poi, leggerà la fine di Berserk.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *