Loud! – Come il fumetto assordante di Maria Llovet ci ha conquistato

Edizioni BD porta in Italia un piccolo, grande gioiello firmato Maria Llovet: si tratta di Loud!, un fumetto ricco di eccessi, silenzioso e assordante nello stesso tempo. Lasciate a casa le vostre inibizioni, stiamo per intraprendere un viaggio nella perdizione più totale

recensione loud

Aristotele nella Poetica aveva affermato che una tragedia per essere definita tale deve necessariamente avere:

  • unità di luogo: svolgersi cioè in un luogo unico in cui i personaggi agiscono o raccontano ciò che sta accadendo.
  • unità di tempo: quindi l’azione deve svolgersi in 24 ore.
  • unità di azione:  il dramma doveva comprendere un’unica azione, con l’esclusione  di trame secondarie.

Ora perché scomodare Aristotele in questa sede, beh perché Maria Llovet, nel suo ultimo fumetto, Loud, risponde a due delle tre regole aristoteliche, costruendo un dramma psichedelico e originale.

Loud è il nome del locale in cui, in una sola lunghissima notte, avviene l’immaginabile e l’inimmaginabile. Siamo di fronte ad un fumetto ricco di eccessi, assolutamente sopra le righe. La narrazione di Llovet è trasformista e ci porta in un universo di ossimori, silenzioso e assordante allo stesso tempo.
Silenzioso perché i personaggi comunicano solo attraverso gli sguardi (molte vignette sono infatti incentrate, anche se con rapide pennellate, solo sugli occhi), i dialoghi sono pochissimi, le parole in fondo neanche servono: al Loud nessuno potrebbe sentirle. La musica ingloba ogni altro suono, visivamente le vignette sono stracariche di BUM, BUM, BUM, WOB, WOB WOUB, il suono esplode anche nelle orecchie di noi che siamo capitati al Loud come spettatori.

Dei personaggi non sappiamo nulla. Appaiono e scompaiono sulla scena, non hanno una storia, talvolta non hanno neanche un nome, sono bloccati nei disegni della Llovet, come se fosse un album di foto di tantissime persone in tantissimi momenti diversi della vita (ma ricordatevi che stiamo parlando di un’unica notte).

loud_07

Sappiamo però che al Loud può succedere di tutto: tra una lap dance e l’altra infatti, l’autrice mette in scena una serie di drammi, soprusi, perversioni, fattacci di droga, sparatorie, en passant nel vorticoso locale vediamo addirittura dei vampiri che indisturbati banchettano con delle giovani.
Ma ora non immaginate il Loud come il coacervo della negatività: c’è anche tanto amore. Cuoricini, accoppiamenti e sensualità si srotolano tra le pagine, magari durano il tempo di una vignetta, ma la Llovet sa come mostrarci la passionalità.

Questo fumetto è stato presentato così: “La musica è altissima, i bassi incalzano come battiti, il ritmo di Loud è scandito e veloce sin dalla prima pagina. Due ragazze che si amano al primo colpo, nello stesso bagno si dispera una teenager incinta, e poi, una dopo l’altra si susseguono le storie di due assassini, un clan di vampiri e una sadica dominatrix.
Nell’oscurità di questo caotico night club si intrecciano tante vite, che si consumano… sino a finire di colpo.
Il tempo di lettura sembra quello di un’istante, perché appena aperto, Loud, è impossibile da lasciare andare: i colori accesi e il segno deciso corrono sotto gli occhi. Nonostante le poche battute, è impossibile definire Loud una graphic novel muta: le connessioni tra i personaggi sono fortissime quasi quanto il volume della musica che impedisce loro di parlare.
Con il suo stile sensuale e pop-punk, la fumettista spagnola dalle forti influenze manga, racconta una notte indimenticabile e tarantiniana con stile esplosivo e sensuale.” Ed effettivamente mantiene esattamente le promesse.

loud_04

Insomma delitti e amore, criminali e innamorati, un velocissimo quadro di realtà punk e dai colori sgargianti, corredato nella parte conclusiva da studi e bozzetti e anche da un finale alternativo, vista la molteplicità delle storie, delle trame e delle sottotrame, un solo finale non basta, perché insomma al Loud sai come entri, ma non sai come esci.

 

 

Abbiamo parlato di:

Loud!

Loud!

Autrice: Maria Llovet
Formato: 17x24; Cartonato
Pagine: 104, a colori
Editore: Edizioni BD
Prezzo: € 14,00
Per acquistarlo
Voto:

Avatar

Carla Gambale

Non si ha memoria di quando abbia iniziato a leggere, ma non ho mai smesso. Lotto da tempo immemore con mia madre per farle comprare una nuova libreria. Tra un'emicrania e l'altra mi adopero a leggere, scrivere e parlare di libri, fumetti e serie tv, poi nel tempo libero studio anche archeologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *