Il Sogno di Vitruvio – La nuova graphic novel tra mito e storia di Michele Petrucci

Il sogno di Vitruvio è la nuova opera a fumetti di Michele Petrucci edito da Saldapress che cerca di spiegare attraverso gli occhi del protagonista Livio e atmosfere oniriche, l’importanza di Vitruvio, ingegnere militare dell’epoca romana

recensione il sogno di vitruvio

Parlare di storia e architettura in una grapich novel non è una cosa banale, ma soprattutto il pubblico a cui può essere rivolto non è detto coincida con quello cui può essere destinata un’opera letteraria storica o un libro d’architettura. Michele Petrucci, artista a tutto tondo classe 1973 di origine marchigiana che vanta collaborazioni con Corriere della seraIl manifestoCoconino Press Black Velvet, con il suo nuovo fumetto Il sogno di Vitruvio ha mescolato arte ed elementi storici con la vicenda del giovane architetto Livio, protagonista del nuovo libro pubblicato da Saldapress all’interno della collana Maestro, serie di uscite dedicate al fumetto d’autore italiano e internazionale.

All’interno de Il sogno di Vitruvio il nostro Livio intraprende un viaggio in quel di Fano, piccolo comune delle Marche famoso per i numerosi reperti storici romani, alla ricerca dell’unica, probabile, opera progettuale realizzata da Vitruvio, uomo vissuto all’epoca di Giulio Cesare, ingegnere militare dell’impero ma, soprattutto, autore dell’opera letteraria De Architectura libri decem, trattato di 10 volumi che ha influenzato in maniera epocale gran parte degli architetti che gli sono succeduti, compreso lo stesso Leonardo Da Vinci che si è ispirato agli scritti dell’artista romano per la realizzazione del suo Uomo Vitruviano.

Nelle 55 pagine di fumetto realizzate da Petrucci, conosciamo gradualmente la passione di Livio per l’architettura e il motivo che l’ha spinto a intraprendere in maniera quasi ossessiva la ricerca della Basilica di Fano, che si dice essere l’unico edificio realizzato da Vitruvio, nonché testimonianza dell’esistenza di questo semi sconosciuto ingegnere, citato raramente nei libri di storia. Quello che ne scaturisce è un susseguirsi di esperienze oniriche notturne che Livio ha durante il suo soggiorno a Fano, con sogni enigmatici e realistici con protagonisti lo stesso Vitruvio e un insieme di personaggi storici legati in qualche modo all’autore del De Architectura. Livio ne esce ogni volta più turbato, ma allo stesso tempo più determinato a dimostrare il fondamento di questa sua personale ossessione che lo lega alla Basilica e al suo costruttore, e che nasconde una più profonda ricerca introspettiva di una consapevolezza delle sue capacità.

Vitruvio_interni_MEDIUM-8

Alla base de Il Sogno di Vitruvio c’è un’attenta ricerca storica e documentale da parte di Petrucci, che si è avvalso anche del supporto del Centro Studio Vitruviani e del Comune di Fano, per rappresentare visivamente all’interno della grapich novel in maniera molto precisa e dettagliata quello che è il senso del trattato di Vitruvio, nonostante le fonti per la maggior parte siano di carattere letterario. Molto interessante risulta essere la parte in coda al volume Un pensiero che attraversa la storia a cura di Daniela Amadei, che approfondisce la figura stessa di Vitruvio e del De Architectura, dei personaggi storici che fanno capolino nel volume e del loro rapporto con lo stesso architetto. È sicuramente una disamina interessante e fondamentale per chi deciderà di leggere questo volume, che arricchisce alcuni spunti appena accennati all’interno del libro e che fornisce determinate risposte a domande che il lettore si pone nella lettura della grapich novel.

La nota dolente del volume è la trama de Il sogno di Vitruvio. Il libro si sviluppa su poco più di una cinquantina di pagine, troppo poche. Non approfondisce in alcuni casi in maniera esaustiva alcuni punti narrativi, riducendosi a meri accenni. La parte dei sogni che fa Livio, che è centrale nella storia, si riduce a frettolose apparizioni notturne che fanno crescere dubbi e timori al protagonista sul nesso con la sua ricerca, e che fanno salire una sana suspence al lettore nel corso della lettura di Il sogno di Vitruvio, ma che trovano un epilogo troppo frettoloso e poco chiaro. Anche le motivazioni che spingono Livio alla continua ricerca della Basilica di Vitruvio, si esauriscono in fretta e furia senza dare un senso vero e proprio a quella che è la sua lotta interiore e che gli ha fatto intraprendere questo viaggio.  Un vero peccato.

Vitruvio_interni_MEDIUM-16

Diversamente a livello grafico, Petrucci si conferma essere un ottimo artista, che avvalora ancora di più il merito del Premio Nuove Strade (2002) e del Premio Micheluzzi (2009) vinti per sue opere precedenti e che con un tratto semplice e chiaro nella rappresentazione della città di Fano e di determinate opere e monumenti storici riesce a trasportare il lettore al fianco di Livio nella sua ricerca.

A chi è consigliato Il sogno di Vitruvio di Michele Petrucci? Il volume è dedicato a chi ha interessi artistici e storici e vuole approfondire le proprie conoscenze su un personaggio che poche volte è nominato all’interno dei libri di storia, ma che ha segnato gli stili e gli artisti nei secoli a seguire.

Il Sogno di Vitruvio

Il Sogno di Vitruvio

Autore: Michele Petrucci
Formato: 19x27,5; cartonato
Pagine: 72 pagine a colori
Editore: saldaPress
Prezzo: € 18,00
Voto:

Doc. G

Il mio nome e' Doc. G , torinese di 36 anni lettore compulsivo di fumetti di quasi ogni genere (manga, italiano, comics) ma che ha una passione irrefrenabile per Spider-Man! Chi è il miglior Spider-Man per me? Chiunque ne indossi il costume.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.