Doctor Strange nel Multiverso della Follia – Recensione no spoiler

Sam Raimi che torna alla regia di un film Marvel √® un evento nell’evento: sar√† lui ad accompagnarci nelle follie del Multiverso insieme allo Stregone Supremo e a Wanda Maximoff. Ecco cosa ne pensiamo dell’attesissimo Doctor Strange nel Multiverso della Follia in questa recensione assolutamente NO SPOILER

recensione doctor strange nel multiverso della follia

Le aspettative sono altissime per quanto riguarda Doctor Strange nel Multiverso della Follia¬†sequel di¬†Doctor Strange¬†(2016) e il¬†ventottesimo film¬†del¬†Marvel Cinematic Universe, sia perch√© il primo √® uno uno dei film riusciti meglio alla Casa delle Idee, sia perch√© Disney sembra proprio stia puntando sempre pi√Ļ in alto, basti vedere la penultima (bellissima) puntata di Moon Knight o – restando in ambito cinematografico, Spider-Man: No Way Home. Inoltre inutile negarlo, √® tanta la curiosit√† di ritrovare quel geniaccio di Sam Raimi alla regia.
Togliamoci il pensiero e diciamolo subito: Doctor Strange nel Multiverso della Follia √® venuto davvero bene. Siamo appena usciti dall’anteprima stampa e l’opinione a caldo di chi scrive √® che questo sia uno dei migliori film realizzati dai Marvel Studios. Cos√¨ come gli universi che attraversano i protagonisti, la pellicola riesce a lavorare su pi√Ļ livelli: √® un canonico film Marvel/Disney, con tanta azione e battute (fortunatamente poche e quasi tutte pi√Ļ riuscite del solito) ma √® allo stesso tempo un lungometraggio completamente di Sam Raimi, dove riprende e moltiplica i temi che lo contraddistinguono da sempre, come quello del “doppio” o la corruzione dell’eroe.
DOCTOR STANGE IN THE MULTIVERSE OF MADNESS
√ą un film sul protagonista che porta avanti la sua storia personale, certo, ma √® anche una storia corale che risolve alcune trame che erano rimaste in sospeso.
La forza di questo secondo capitolo cinematografico del Doctor Strange (alla sua sesta apparizione complessiva sul grande schermo) √® che si pu√≤ vedere senza sapere niente (o quasi) del MCU o dei fumetti Marvel da cui √® tratto, ma gli appassionati avranno parecchie sorprese. Inutile dire che pi√Ļ di tanto non possiamo svelare, perch√© non ci sembra davvero il caso di togliere il gusto della sorpresa a vecchi e nuovi fan.
√ą proprio a loro che Kevin Feige – Deus ex Machina MCU – e il regista Sam Raimi strizzano spesso l’occhio, giocando con tanti livelli meta-narrativi quanti sono gli universi che vedremo all’interno del film.
La trama ci √® sembrata nel complesso piuttosto solida, anche rispetto ad altri film targati Marvel Studios: tutto scorre senza eccessive forzature, e se ci sono √® perch√© Raimi gioca col suo cinema, ma nemmeno in quei casi il film fa perdere la sospensione dell’incredulit√†. Gli attori sono tutti molto credibili ma un applauso in particolare va a Elizabeth Olsen, che ci ha abituato a grandi performance in Wandavision e contunua a farsi apprezzare anche in questa nuova (e ambiziosa) produzione. Ovviamente torna nei panni di Scarlet Witch/Wanda Maximoff, ruolo che ormai ha fatto completamente suo e che in questo film dimostra una volta di pi√Ļ il suo talento.
DOCTOR STRANGE IN THE MULTIVERSE OF MADNESS
Ma Wanda non √® l’unica presenza femminile nel cast: come sicuramente avrete notato dai tantissimi trailer e dai post dedicati ai personaggi, in questo film debutta America Chavez (interpretata da Xochitl Gomez), una ragazza con la capacit√† di di aprire¬†portali verso¬† universi paralleli. A chi fa gola la sua capacit√†?

Raimi, così come tutto il cast, appare in formissima e riesce a importare la sua grammatica cinematografica anche nei film Disney Рcosa niente affatto scontata Рinfilandoci dentro anche il suo umorismo. Il sequel di Doctor Strange non è prettamente horror, ma ci sono tanti elementi che richiamano il genere. Assieme ad Eternals con Chloé Zhao, era dai tempi del primo Thor di Kenneth Branagh che i Marvel Studios non proponevano film così autoriali, e gli sta riuscendo benissimo.

A voler proprio a cercare un difetto, √® il concetto di multiverso che √® sempre pi√Ļ stiracchiato rispetto a quello che ci √® stato detto in Avengers: Endgame e nella serie TV Loki, rischia cos√¨ di apparire come un punto debole della proposta Marvel in generale. Non sarebbe stato meglio limitarsi a dire che gli universi alternativi sono “semplicemente” dei grandi What If…?, cos√¨ come fa Doctor Strange nel Multiverso della Follia, senza spiegazioni o legami di cause/effetto? Sarebbe stato tutto molto pi√Ļ semplice, esattamente come succede in questo film, che vi consigliamo di vedere il prima possibile sia per evitare fastidiosi spoiler (occhio, la rete ne √® piena…), sia per godersi una bella esperienza in sala.
DOCTOR STRANGE IN THE MULTIVERSE OF MADNESS
Il film conferma l’ottimo momento che stanno vivendo (e ci stanno facendo vivere) i Marvel Studios e ci riserviamo di tornare sull’argomento quando Doctor Strange 2 sar√† stato finalmente visto dalla gran parte di voi: per essere pi√Ļ liberi di parlare delle tante sorprese presenti (ce ne sono tante…) e delle possibili conseguenze che una storia del genere inevitabilmente scatener√† sul futuro del MCU.

Doctor Strange nel Multiverso della Follia

Doctor Strange nel Multiverso della Follia

Regia: Sam Raimi
Anno: 2022
Paese: USA
Durata: 127 minuti
Produzione: Marvel Studios
Interpreti e personaggi:
Benedict Cumberbatch: Dr. Stephen Strange
Elizabeth Olsen: Wanda Maximoff / Scarlet Witch
Chiwetel Ejiofor: Karl Mordo
Benedict Wong: Wong
Xochitl Gomez: America Chavez
Michael Stuhlbarg: Nicodemus West
Rachel McAdams: Christine Palmer
Distribuzione italiana: The Walt Disney Company Italia
Data di uscita: 4 maggio 2022
Voto:

Sfoglia tutti i film recensiti da MegaNerd!

Kinn

Fumetti, letteratura, cinema, animazione, musica: sono capace di esprimere un'opinione (possibilmente ipercritica) su tutto senza essere esperto di niente. Visto che non mi basta parlare (male) delle cose degli altri, scrivo racconti sul blog Spazinclusi

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.