Roberto Recchioni – La rinascita di Dylan Dog, tra l’Oldboy e il nuovo universo


Lo sceneggiatore e curatore di Dylan Dog racconta i nostri microfoni la rinascita del personaggio creato da Tiziano Sclavi: dal nuovo corso della serie regolare, passando per la nuova incarnazione di Oldboy e arrivando a fare quattro chiacchiere sul mondo Nerd che ci circonda

intervista a roberto recchioni
Roberto Recchioni è uno degli autori più attivi nel panorama fumettistico italiano: dal 2013 è il curatore di Dylan Dog, vera e propria icona narrativa del nostro Paese e seconda testata più venduta in Italia, alle spalle di un colosso come Tex. Da sette anni ormai ha iniziato un lungo percorso sul personaggio che è culminato con la tanto discussa “Saga della Meteora“, che ha cambiato il mondo di Dylan per sempre.

Con l’occasione dell’uscita in edicola di Dylan Dog: Oldboy, il nuovo bimestrale che mantiene gli stilemi classici del personaggio (con storie assolutamente inedite e moderne), abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Roberto. Dall’idea per questa nuova testata, fino ad arrivare alle vicende che stanno imperversando nella serie regolare, ma non solo: anche quattro chiacchiere sull’attuale momento del mondo nerd, sui social, sugli haters e su tanto altro ancora. Una chiacchierata davvero interessante, che sarebbe potuta durare ore e ore e che vi proponiamo proprio qui: per vederla, vi basterà cliccare su “play”.

Ringraziamo ancora Roberto Recchioni per la disponibilità e l’ufficio stampa di Sergio Bonelli Editore.



Segui Meganerd su Facebook, Twitter, Instagram e Telegram!

Mr. Kent

Appassionato di fumetti, curioso per natura, attratto irrimediabilmente da cose che il resto del mondo considera inutili o senza senso. Sono il direttore di MegaNerd e me ne vanto.

2 Comments

  • Mi permetto di considerare che DylanDog666 è quello fuori dalla continuity, non Old Boy

  • Chiaramente senza voler mal giudicare nessuna testata, solo per puntualizzare che dopo la meteora di continuity non è che si possa troppo parlare, se non sbaglio sono morti tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *