Project Diablo 2 – Il ritorno dopo 20 anni

Diablo 2 torna dopo 20 anni con una gigantesca rielaborazione del gioco originale

speciale diablo 2

Diablo 2 è stato senza dubbio il capitolo che ha avuto più successo di tutta la serie, quello che ha portato i demoni infernali al grande pubblico, grazie soprattutto al contemporaneo sviluppo su larga scala di internet e del multiplayer online.

Uscito nell’ormai lontanissimo 2000, portava sulle spalle una responsabilità enorme: non deludere le aspettative di chi aveva investito centinaia o addirittura migliaia di ore nel capitolo precedente. Questo significava non uscire dal sentiero tracciato da Diablo 1, un gioco studiato alla perfezione, dotato di musiche e ambientazione coinvolgenti, cupe, straordinariamente calzanti.

Il secondo capitolo uscì 3 anni e mezzo dopo e posso affermare con tranquillità che non deluse le aspettative.
Diablo 2 riesce ad accontentare sia chi vuole ri-vivere un’ esperienza di gioco simile a quella del primo capitolo, sia chi vuole qualcosa di diverso, mantenendo sì un aspetto tenebroso e terrificante ma anche proponendo nuove ambientazioni esterne (Diablo 1 era una lenta e inesorabile discesa agli inferi, livello dopo livello), nuove classi, nuovi demoni da battere e sistemi di crafting, di potenziamento equip e runewords.

Battle.net, ovvero il multiplayer online della Blizzard, contribuì in modo massiccio al successo del gioco, dando la possibilità ai giocatori di unire le forze per sconfiggere i boss e implementando un sistema di trading che permise di scambiare oggetti tra personaggi.

Grazie anche all’uscita dell’espansione Lord of Destruction, Diablo 2 passa alla storia come uno dei più longevi e amati giochi online di sempre, nonostante i ripetuti tentativi, spesso riusciti, di hacking da parte dei “dupers“, gente senza scrupoli che sfruttava falle nel sistema di generazione degli oggetti, con lo scopo di sdoppiarli e poi scambiarli.

Per molte volte si è parlato online di un possibile ritorno di Diablo 2 tramite una versione rimasterizzata da parte della stessa Blizzard o di qualche appassionato ma è sempre rimasta una chiacchiera di qualche nostalgico o una voce poco fondata.

Questo fino ad oggi.

Un gruppo di giovani sognatori ha messo l’anima e il corpo in quello che si può definire un progetto pazzesco: Project Diablo 2.

Cosa è Project Diablo 2?

Fondamentalmente è una rielaborazione del gioco originale, una MOD che va a limare difetti, allargare le possibilità di scelta e ad aggiungere funzionalità completamente nuove, che andrò ad elencare.

Albero delle abilità

Lo Skill Tree di tutte le classi è stato rielaborato, modificando i rami, aggiungendo abilità completamente nuove e bilanciando quelle già esistenti, permettendo una maggiore varietà in fase di costruzione del personaggio e ampliando le possibilità di scelta.

Skill Tree Diablo 2
Skill Tree Diablo 2
Skill Tree Project Diablo 2
Skill Tree Project Diablo 2

Set, Unici e Runewords

Quasi tutti i Set, gli Unici e le Runewords sono stati aggiornati per un migliore bilanciamento.
Alcuni equipaggiamenti poco usati sono stati migliorati, mentre quelli troppo potenti, limitati.

Diablo 2 New Items Rework
Prima e Dopo

Nuovi contenuti End Game

Aggiunte nuove mappe (Consumabili) con una difficoltà aumentata per favorire il multiplayer. Per sconfiggere gli Uber Boss sarà necessario un team compatto e ben organizzato.

Ladder e PVP

Tornano le Ladder, della durata di 4 mesi ognuna e il PVP è in fase di sviluppo, per non perdere l’importantissimo tocco di competitività che mantiene vivo il gioco.

Migliorie Tecniche

Notifiche di drop per oggetti di interesse: dagli oggetti rari ai magici potenzialmente utili come i gioielli o gli anelli.

Drop Notifications
Drop Notifications

Nuovo inventario del personaggio, molto più ampio del precedente e con una zona riservata ai charm.
Nuovo Stash, anch’ esso molto più ampio.
Rune e Gemme impilabili. Trasmutando una gemma o una runa nel Cubo Horadrim, apparirà una crocetta in alto a destra, che sta a significare che l’oggetto è ora impilabile.

New Inventory
Inventario più Ampio

Worldstone Shard

Questo piccolo oggetto, trovabile un po’ ovunque, apre infinite possibilità di modifica al proprio equipaggiamento.
Trasmutando un oggetto nel Cubo Horadrim assieme alla Worldstone Shard, avremo una chance di aggiungere suffissi generati a caso o Sockets, rendendo l’oggetto molto più potente. Questo processo viene denominato in gergo “Slamming“.
L’operazione è però rischiosa: esiste infatti un 25% di chance di tramutare (Break) l’oggetto in un qualsiasi raro con proprietà casuali.
La chance di aggiungere suffissi è del 50%, quella di generare Sockets del 25%. In oggetti come ad esempio gli anelli o gli amuleti, dove non possono essere generati Sockets, la chance di “rompere” l’oggetto sale al 50%.
In caso di successo, apparirà una scritta rossa “corrupted” e un pallino rosso accanto alla statistica aggiunta.

Maggiori informazioni qui.

Corrupted item
Oggetto Corrotto
Come posso installarlo?

Per giocare occorre prima di tutto possedere una copia originale del gioco e dell’espansione Lord of Destruction acquistabili dal sito della Blizzard o dai distributori di chiavi online come ad esempio Instant Gaming o Gamivo.

Una volta completate entrambe le installazioni, basta recarsi sul sito di Project Diablo 2, scaricare il Launcher e seguire le istruzioni indicate.

Il sito è dotato di una sezione Wiki, dove sono presenti tutte le informazioni necessarie per lo sviluppo del personaggio, sezioni Trade, Forum e anche una pagina per le donazioni, per chi fosse interessato a finanziare il progetto e di conseguenza, aiutare a tenerlo vivo.

Per chi come me ancora avesse i vecchi CD di installazione (Codice a 16 cifre), basta andare sul sito della Blizzard, accedere con il proprio account, impostazioni account, riscatta un codice. In questo modo si potrà convertire il codice in uno a 26 cifre e cominciare il download.

Che stai aspettando?


Sentry

Sentry

Crudo e senza filtri, distributore gratuito di traumi infantili. Appassionato di tecnologia, musica, cinema e animazione. Se ti serve qualsiasi cosa, chiedi pure: non la avrai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *