Morgan VS Bugo – la lite diventa un videogioco in puro stile anni Novanta!


La 70esima edizione del Festival di Sanremo ha decretato il duo Morgan/Bugo protagonista indiscusso a causa della surreale lite a suon di note e accuse. Il tormentone che ne è derivato non accenna a placarsi, tanto da essere diventato un fantastico videogioco a 16 bit!

Morgan Bugo videogioco

Che succede?

A meno che non siate di questo Pianeta, sapete perfettamente cosa è accaduto durante la diretta in Eurovisione del Festival di Sanremo. Nella notte tra venerdì e sabato della settimana del Festival, Morgan e Bugo salgono sul palco per cantare. Tuttavia i due artisti sono in rotta di collisione e Morgan, preso il microfono, improvvisa un testo diverso dalla canzone in gara “Sincero“, iniziando ad accusare un Bugo attonito che ben presto, si vede costretto ad abbandonare il palco. Questo è solo l’inizio di una bagarre a suon di ospitate televisive e picchi di share incredibili, ogni volta che uno dei due rilascia dichiarazioni. Sanremo a parte (la canzone ovviamente è stata squalificata e non ha più potuto partecipare alla gara), cosa è successo intorno a loro?

Il web è letteralmente impazzito, il video è diventato immediatamente virale e i meme, che hanno varcato i confini nazionali, intrattengono il popolo virtuale.


Tuttavia, il colpo di genio pubblicato dal canale YouTubeIl Santuario di Miki” è talmente bello che addirittura noi di MegaNerd ci siamo sentiti di condividerlo.

Godetevi il video:

In puro format 16 bit, è stata realizzata una clip con il software RPG Maker che ci racconta l’intera vicenda. L’esibizione in questa versione è ancora più esilarante di quella reale (e non era facile). Nella parte inferiore dello schermo, scorrono le parole intonate da Morgan, mentre un Bugo nervosissimo cammina su e giù dal palco dell’Ariston.

Ben presto tutto questo finirà. Nel frattempo, godiamoci il momento di delirio collettivo fin che dura!

 


Segui Meganerd su Facebook, Twitter, Instagram e Telegram!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *