Marc Guggenheim – Arrow non sarebbe mai esistito senza Denny O’Neil


Lo showrunner di Arrow e delle serie CW ricorda il compianto Denny O’Neil scomparso il 12 giugno.

Guggheneim

La scomparsa avvenuta nella giornata di ieri all’età di 81 anni dello scrittore ed editore di fumetti Dennis “Denny” O’Neil ha colpito al cuore molte persone come una freccia scoccata da Oliver  Queen aka Green Arrow.  La morte del fumettista ha dato il via a un’ondata di sostegno e tributi sui social media, mentre la comunità dei fumetti si confronta con la perdita di uno dei creatori più significativi degli ultimi 50 anni. Tra chi ha deciso di onorare questo maestro del fumetto c’è anche Marc Guggenheim, scrittore di fumetti e co-creatore della serie TV Arrow e di tutte le serie CW facenti parti dell’Arrowverse.  Lo showrunner ha collaborato anche alla realizzazione del film Green Lantern del 2011. Green Lantern e Green Arrow, due personaggi che negli anni 70′ O’Neil ha rivitalizzato insieme a Neal Adams con lo storico ciclo ‘Green Lantern/Green Arrow‘.

«Il 2020 continua a portarci via un pezzo per volta. Oggi ci ha tolto l’uomo che ha creato la moderna incarnazione di Batman – ha affermato Guggenheim – Uno scrittore leggendario. Un titano tra i titani. È impossibile non tener conto del contributo che ha dato al fumetto in generale, ed è altrettanto impossibile non vedere i suoi effetti in ogni pagina pubblicata da DC e Marvel. E, naturalmente, è ovvio che non ci sarebbe stato Arrow se non ci fosse stato Denny O’Neil. Riposa in pace.»

Guggenheim ha portato sul piccolo schermo numerosi personaggi che O’Neil ha creato o ridefinito durante i suoi decenni nei fumetti come, appunto, Green Arrow, Richard Dragon (nella serie TV  “Ricardo Diaz“) oltre alla Lega degli Assassini, Ra’s al Ghul e Talia al Ghul, tutti personaggi ricorrenti nella fortunata serie televisiva.

I contributi di O’Neil e Adams alla mitologia di Green Arrow sono stati riconosciuti da Guggenheim e dallo staff legato allo show CW, sin da quando è stato lanciato. Green Lantern/Green Arrow ha contribuito a plasmare l’interesse politico Oliver Queen, una caratteristica ripresa nella serie di Arrow in cui ‘Ollie’ è diventato per un breve periodo il sindaco di Star City. Ha anche contribuito a rimodellare Batman negli anni ’70, trasformando il personaggio da supereroe scanzonato, ben rappresentato sul piccolo schermo da Adam West, nella versione ‘dark’ che oggi conosciamo e che è stato portato sul grande schermo prima da Tim Burton e poi da Christopher Nolan.


 

 

Fonte: comic book

Leggi tutte le nostre recensioni sulle serie TV

Segui Meganerd su Facebook, Twitter, Instagram e Telegram!

Doc. G

Il mio nome e' Doc. G , torinese di 36 anni lettore compulsivo di fumetti di quasi ogni genere (manga, italiano, comics) ma che ha una passione irrefrenabile per Spider-Man! Chi è il miglior Spider-Man per me? Chiunque ne indossi il costume.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *