Guardiani della Galassia vol. 3 – Differenze tra fumetto e film

Lo scorso 2 dicembre i Marvel Studios hanno reso noto il primo trailer del prossimo film MCU di James Gunn, Guardiani della Galassia vol. 3. Analizziamone contesti e personaggi e facciamo un confronto con le controparti fumettistiche.

speciale guardiani della galassia

Il prossimo 3 maggio arriverà nei cinema italiani il terzo capitolo… pardon, volume de I Guardiani della Galassia. Si tratterà dell’ultimo film della saga diretta da James Gunn, recentemente passato alla Distinta Concorrenza per dirigere i neonati DC Studios dove organizzerà il rilancio di Superman, Batman & C.

Come ribadito dallo stesso regista, sarà l’ultima volta che vedremo i Guardiani nel Marvel Cinematic Universe (almeno, con questa formazione). E sembra proprio che uno o più membri dello sgangherato gruppo di difensori della Galassia ci lasceranno, ma non si sa nulla di più. Inoltre, farà il suo debutto assoluto sul grande schermo Adam Warlock, interpretato da Will Poulter.

Adam Warlock

Warlock è uno dei personaggi più interessanti del panorama cosmico della Casa delle Idee. Con ruoli importantissimi – nei fumetti – in molte storie che hanno come protagonista Thanos e il suo folle desidero di annichilire l’Universo intero.

Nascita dei Guardiani della Galassia

La storia editoriale dei Guardiani della Galassia è relativamente recente, se non consideriamo la formazione originale ideata da Arnold Drake (testi) e Gene Colan (disegni) nel 1969, che nulla ha a che spartire con Star-Lord, Gamora e tutti gli altri (con l’esclusione di Yondu, la cui versione MCU è ispirata proprio a uno dei membri dei primi Guardiani). I nuovi Guardiani iniziano a prendere forma nel 2008, grazie all’autore Dan Abnett e al disegnatore Andy Lanning.

Abnett è tra coloro a cui si deve la rinascita del cosmo Marvel, che da moti anni languiva abbandonato nei cassetti degli editors. L’autore inglese era (ed è) un ammirato scrittore di fumetti e romanzi di genere fantascientifico. Dunque, chi meglio di lui poteva essere in grado di risollevare le avventure spaziali della Casa delle Idee?

Abnett prende la palla al balzo succedendo a Keith Giffen il quale, tra il 2006 e il 2007, aveva sceneggiato l’apprezzato crossover cosmico Annihilation. Crossover dove, tra l’altro, Drax il Distruttore assume un aspetto molto simile a quello che ha nei film, interpretato dall’ex wrestler Dave Bautista.

Scodella così, tra il 2008 e il 2009, alcune saghe molto importanti per la componente fantascientifica e spaziale della Casa delle Idee: Annihilation – Conquest, War Of Kings e Realm Of Kings. Eventi che hanno contribuito a ridisegnare e modernizzare l’universo cosmico della Marvel e di cui sono protagonisti anche i moderni Guardiani della Galassia. Moderni sì, ma con radici antiche. Perché i suoi membri non sono certo gli ultimi arrivati tra le pagine dei fumetti Marvel.

Guardians of the Galaxy

I membri dei Guardiani – origini editoriali

Star-Lord nasce da un’intuizione di Steve Englehart e prende forma grazie a Steve Gan. Fa la sua prima apparizione nel 1976 su Marvel Preview #4. Farà poi brevi comparsate in storie scritte da John Byrne e, soprattutto, Chris Claremont.

star lord

Groot è addirittura una creazione del King Of Comics Jack Kirby e la sua nascita è perfino antecedente a quella dell’universo fumettistico Marvel. Compare, infatti, per la prima volta su Tales to Astonish #13 del 1960. Creato, oltre che da Jack Kirby, anche da Stan Lee e Dick Ayers.

groot

Gamora è invece una creatura dello psichedelico Jim Starlin. Fa la sua prima apparizione nel numero 180 di Strange Tales, datato 1975.

Anche Drax è una creatura di Starlin. Compare per la prima volta su Iron Man #55 del 1973. Inizialmente era molto diverso dal personaggio che abbiamo imparato a conoscere al cinema. Nei fumetti, la sua metamorfosi avviene molti anni dopo, nel 2006, per mano – come già detto – di Keith Giffen.

drax il distruttore

Mantis è stata creata da Steve Englehart e disegnata per la prima volta da Don Heck. Viene introdotta nell’universo Marvel su Avengers #112 del 1973.

Anche Rocket Raccoon ha superato gli anta da un bel po’. Nato dalla mente di Bill Mantlo, per i disegni di Keith Giffen, appare per la prima volta su Marvel Preview #7 del 1976.

I personaggi editorialmente più giovani della gang sono Nebula e il nuovo arrivato Cosmo (anzi: arrivata – come abbiamo visto nellHoliday Special dei Guardiani – in streaming su Disney+ – è un cane femmina). La prima è una classe 1985, anche lei figlia di genitori illustri: Roger Stern (testi) e John Buscema (disegni). Fa capolino nei fumetti della Casa delle Idee su Avengers #257.

Cosmo appare invece per la prima volta nel 2008, sulle pagine della serie dedicata a Nova, scritta da Dan Abnett e disegnata da Andy Lanning.  Indossa una tuta da cosmonauta perchè le sue origini sono legate ai primi lanci spaziali dell’Unione Sovietica. Quando spediva in orbita razzi con animali a bordo (una su tutte la cagnetta Laika). In verità, Cosmo ha fatto la sua prima apparizione nell’universo Cinematografico Marvel non nell’Holiday Special ma nel primo film dei Guardiani. Faceva infatti parte della bizzarra collezione del Collezionista.

laika

Nei comics, i Guardiani della Galassia hanno avuto altri e numerosi membri (anche Beta Ray Bill!), ma mai la loro formazione è stata del tutto corrispondente a quella dei film del MCU.

Adam Warlock

Nel trailer de I Guardiani Della Galassia Vol. 3 fa la sua prima apparizione Adam Warlock, il misterioso personaggio citato anche nel finale mid-credits del secondo film. Non si sa bene quale ruolo giocherà nella pellicola e quale sarà il suo peso. Abbiamo però diversi elementi che sono tutti riconducibili al personaggio dorato.

Il trailer si apre infatti con i Guardiani che atterrano in una città apparentemente terrestre ma che, in realtà, è abitata da animali antropomorfi. Sembra proprio che si tratti della cosiddetta Controterra (Counter-Earth). Nei fumetti, è un pianeta identico alla Terra, ma situato in posizione opposta rispetto al Sole e perciò nascosto al nostro pianeta. Viene creato dall’Alto Evoluzionario (volete sapere di più su di lui? Leggete il nostro speciale!), interpretato nel film dall’attore nigeriano-britannico Chukwudi Iwuji. La Controterra è popolata da creature antropomorfe, da lui geneticamente modificate.

controterra

Le sorti del pianeta sono messe in pericolo dal Man-Beast e solo grazie all’intervento di Adam Warlock la Controterra verrà salvata. L’Alto Evoluzionario, per ringraziarlo, gli donerà la Gemma dell’Anima, che incastona nella sua fronte. Anche il Warlock cinematografico ha una gemma in fronte, ma difficilmente si tratterà della Gemma dell’Anima la quale, come sappiamo, è stata distrutta da Thanos in Avengers: Endgame.

Origini di Warlock

Adam Warlock, conosciuto originariamente come Lui (Him), fa la sua prima apparizione in una storia di Jack Kirby e Stan Lee pubblicata nel 1967 su Fantastic Four #66. Viene quindi ripreso da Roy Thomas (testi) e Gil Kane (disegni) su Thor #165 del 1969, che daranno poi al personaggio il nome di Adam Warlock, su Marvel Premiere #1 del 1972.

Ma è Jim Starlin (il papà di Thanos) che farà di lui una stella del firmamento Marvel. È infatti lui l’autore dell’allucinogeno arco narrativo del Magus di metà anni ‘70, dove compaiono anche Thanos e Gamora.

warlock

Successivamente, lo inserisce nel roster di personaggi della sua saga de Il Guanto dell’Infinito (Infinity Gauntlet, 1991), nella serie Warlock e i Guardiani dell’Infinito (Warlock and the Infinity Watch) della prima metà degli anni ’90 e nei capitoli successivi del Guanto dell’Infinito: La Guerra dell’infinito (Infinity War, 1992) e La Crociata dell’Infinito (Infinity Crusade, 1993).

Tutte storie che (insieme all’arco narrativo The Thanos Quest, dove si narra come Thanos sia riuscito a recuperare le Gemme dell’Infinito) raccomandiamo assolutamente di recuperare, perché disegnano splendidamente la cosmogonia dell’Universo Marvel, con personaggi come gli Antichi, Eternità, il Tribunale Vivente, Kronos e tanti altri.

Nei fumetti, la storia di Adam Warlock è fortemente intrecciata al destino delle Gemme dell’Infinito e a Thanos. Era dunque ora che fosse introdotto nel Marvel Cinematic Universe.

Curiosità #1
La spalla di Warlock, nei fumetti, è Pip il Troll, eccentrico personaggio creato sempre da Jim Starlin e che è già stato introdotto nel MCU (doppiato in originale dall’attore Patton Oswalt), nel finale mid-credits di Eternals, al fianco di Eros/Harry Style.

pip il troll

Curiosità #2
Anche Jim Starlin è stato…introdotto nel Marvel Cinematic Universe. L’autore di Detroit è infatti uno dei partecipanti al gruppo di aiuto di Cap, nella prima parte di Avengers: Endgame.

jim starlin

Lylla e Rocket

Infine, due parole su Lylla, interesse romantico di Rocket Raccoon, presente anche lei nel trailer del terzo capitolo dei Guardiani. Lylla è una lontra anche lei vittima di manipolazioni genetiche. Rocket la conosce su Mezzomondo, il suo pianeta natio, colonia di malati mentali abbandonata, dove gli animali sono stati sottoposti a interventi mirati ad aumentarne l’intelligenza a livello umano, cosi che possano occuparsi dei pazienti.

Sembra che nel film di Gunn scopriremo le origini di Rocket, che probabilmente saranno fatte risalire all’Alto Evoluzionario – che nei comics non è coinvolto nella sua evoluzione genetica.

Al contrario, l’Adam Warlock cinematografico NON sembrerebbe essere collegato all’Alto Evoluzionario, ma ai genetisti dell’impero Sovereign, creato con il compito di trovare e annientare i Guardiani – come si evince dal mid-credits del secondo film MCU di James Gunn.

Insomma, come sempre i Marvel Studios pescano i propri personaggi dai fumetti della Casa delle Idee ma poi riadattano, rielaborano e rimescolano origini e storie, per rendere il tutto più confacente al medium cinematografico. Speriamo che anche in questo nuovo capitolo cosmico del MCU il risultato sia all’altezza. Con Gunn alla regia, non dovrebbe essere un problema.


Sfoglia tutti i film recensiti da MegaNerd!
Avatar photo

RobyOne

Facebook Meganerd
Le mie passioni sono i comics, i paradossi temporali e il Commodore 64. Leggo fumetti da quando ero un tenero bimbo biondo. Oggi sono uno scontroso nerd attempato. Problemi?

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *