Frank Miller parla delle differenze tra film e fumetti nel trasmettere emozioni

In un’intervista a CBR.com, Frank Miller ha parlato della capacità e delle differenze nel trasmettere emozioni dei film e dei fumetti. Ecco cosa ha detto.

Frank Miller, uno dei più importanti autori di fumetti americani di tutti i tempi, ha rilasciato un’intervista a CBR.com nella quale ha parlato delle differenze tra film e fumetti nella trasmissione delle emozioni. Ha analizzato i punti di forza dell’uno e dell’altro medium, offrendo tanti spunti di riflessione anche sulla percezione che uno spettatore e/o un lettore ha dell’opera.

Ecco cosa ha detto:

«I fumetti sono un mezzo davvero molto buono per esprimere emozioni intense. Sono davvero i migliori nell’esprimere le emozioni intense e drammatiche. Sono migliori per queste rispetto a quelle più impercettibili. In confronto, la narrativa in prosa è migliore. E il cinema lo è ancora di più. Non c’è niente come il volto di un attore reale che riesca a trasportarti.

[Nei fumetti] Devi dare colpi di pennello per dare vita e ciò che stai facendo è stendere indizi con ogni pennellata cosicché il lettore, senza pensarci, metta insieme i pezzi di un mosaico che gli faccia provare qualcosa. È molto più potente ciò che provoca il fumetto nella mano del lettore piuttosto che ciò che accade nelle pagine stesse. Il lettore compie la maggior parte del lavoro.»

Parlando de Il Ritorno del Cavaliere Oscuro, Miller ha posto una personalissima osservazione sul rapporto dei media:

«Mi sono seduto e mi è venuta in mente l’idea per Il Ritorno del Cavaliere Oscuro che fu il più grande salto della mia vita, che ha dato inizio alla mia carriera. Dopo quello, ho visto che i due media potevano collaborare avanti ed indietro.»

Frank Miller ha dato vita a personaggi iconici del mondo del fumetto, ridefinendone altri ed ha scritto storie indimenticabili. Ha da poco lanciato la propria personalissima casa editrice, della quale vi abbiamo parlato qui. È stato molto attivo anche nel mondo cinematografico: ha scritto la sceneggiatura di RoboCop 2 e 3 e scritto e diretto Sin City, The Spirit, Sin City – Una donna per cui uccidere.

Cosa pensate di queste parole? Quale medium preferite? E quali sensazioni avete? Ditecelo nei commenti, vi aspettiamo!

Fonte: CBR.com


Sfoglia tutti i film recensiti da MegaNerd!

Pier

Instagram Meganerd
Appassionato di scienza e supereroi, leggo fumetti da quando avevo 5 anni. Divoro serie tv... ma non ingrasso

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.