Facebook Watch – la tv di Zuckerberg arriva anche in Italia

Il social network più famoso vuole esportare in tutto il mondo il suo servizio streaming, che offre programmi di sport e notizie ma anche serie originali come Skam e Sorry For Your Loss. Ecco tutto quello che c’è da sapere su Facebook Watch

Quello che vi presentiamo qui sotto è il trailer di Sorry For Your Loss, nuova serie drammatica con protagonista Elizabeth Olsen (la Scarlett Witch dei film sugli Avengers) nei panni di una giovane sposa che deve fare i conti con la morte improvvisata dell’amato marito. Questo è solo uno dei titoli seriali che si sono affacciati negli scorsi mesi su Facebook Watch, la piattaforma che il social network ha dedicato allo streaming di produzioni seriali. Nato nell’agosto 2017, il servizio ha previsto investimenti per un miliardo di dollari in contenuti originali nel 2018 e si prepara ora al lancio globale.

Nelle scorse ore è stato finalmente annunciato che l’opzione Watch, finora disponibile solo negli Stati Uniti, sarà presto lanciata in tutto il mondo, con versioni sottotitolate dove necessario e nuovi contenuti pensati appositamente sia per il mercato globale sia per ciascuna delle realtà nazionali in cui arriverà. Da Facebook fanno sapere che 

«Finanzieremo nuove serie dall’appeal internazionale e poi in ogni singolo mercato lavoreremo con i nostri partner per assicurarci di offrire contenuti che trovino il loro pubblico e contribuiscano ai business locali»

Rispetto ad altri rivali già rodati come Netflix, Amazon e il prossimo servizio di Apple, si cercherà di rendere l’esperienza di visione più social, con liste personalizzate calibrate sugli interessi e suggerimenti in base a ciò che gli amici stanno guardando. In questi mesi Facebook Watch ha lanciato diversi contenuti, dallo sport alle news realizzate in collaborazione con CnnBuzzFeed e Fox News; ma anche serie originali come la versione americana di Skam, il talk show Red Table Talk con Jada Pinkett Smith e, in arrivo prossimamente, anche Queen America con Catherine Zeta-Jones.

Se consideriamo che nel 2019 arriverà anche il nuovo servizio streaming della Disney, possiamo ufficialmente dire che la battaglia delle serie tv online è ufficialmente iniziata… e molto probabilmente, a farne le spese sarà la vecchia tv generalista.

Che ne pensate? Aspettiamo i vostri commenti!

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.