Ezra Miller: «Soffro di problemi mentali, lavorerò per superarli»

Tramite un comunicato stampa l’attore Ezra Miller, star di The Flash e sotto i riflettori per recenti sordidi episodi, ha riconosciuto di avere problemi di salute mentale, promettendo di lavorare per risolverli al più presto

ezra miller flash
Ezra Miller
, protagonista del prossimo film del DC Universe The Flash (la cui uscita è al momento prevista per il 23 Giugno 2023) è sotto i riflettori ormai da mesi per via di gravissimi episodi di cui si è reso colpevole. Tra di essi figurano due arresti (per molestie e aggressione di secondo grado) mentre si trovava alle Hawaii,una donna violentemente aggredita in Islanda, la circonvenzione di una ragazza diciottenne cui seguì un periodo di latitanza e un furto con scasso in Vermont con conseguente processo. Tutte queste incresciose azioni hanno giustamente messo in allarme i vertici Warner Bros.Discovery, al punto da palesare nella mente dei fan la possibilità di una cancellazione del film, tesi avvalorata dalla recente cancellazione del film dedicato a Batgirl. Ora, tramite un comunicato stampa, l’interprete del Velocista Scarlatto ha deciso di esporsi con le seguenti parole:

«Avendo recentemente attraversato un periodo di intensa crisi, ora capisco di soffrire di complessi problemi di salute mentale e ho iniziato un trattamento per superarli. Voglio chiedere scusa a tutti, per aver allarmato e sconvolto grazie al mio comportamento. Mi impegnerò per fare tutto il lavoro necessario per tornare a una fase sana, sicura e produttiva della mia vita.»

Tralasciando l’effettivo valore morale di tali scuse, che in virtù della portata delle incriminazioni potrebbero oggettivamente sembrare ipocrite, il danno di immagine che i produttori rischiano è una grossa spada di Damocle, senza contare che una cancellazione del film comporterebbe comunque una perdita economica non indifferente (200 milioni contro i “soli” 70 milioni di Batgirl), sebbene alcune voci sostengano che il film sia indispensabile, a livello di trama, per il reset dell’ universo DC cinematografico che i vertici della compagnia (guidati da David Zaslav) hanno ormai iniziato a pianificare.

Una possibile soluzione, sempre che Miller scelga realmente di farsi aiutare, sembra quella di uno scarso coinvolgimento dell’attore nella promozione del film (con possibile successivo recasting), anche se ciò potrebbe causare qualche perplessità mediatica trattandosi dell’ attore protagonista della pellicola.

Voi cosa ne pensate di questa situazione? Qual’è secondo voi la scelta da intraprendere con The Flash? Fatecelo sapere nei commenti.

 

 


Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.