Eroi transmediali: dal cinema al fumetto ai giochi online

C’è un filo rosso che collega cinema, fumetto e giochi. Le tre arti comunicano tra loro, passandosi la palla, reinterpretando saghe sotto altri formati. Obiettivo comune è stupire il lettore, coinvolgerlo in una storia appassionante

indiana-jones

“Indiana Jones” è un esempio di opera che ha attraversato nel tempo diversi canali mediali di riproposizione. Dal 1984 il franchise ha trasmesso la sua influenza in modo transmediale, regalandoci la ripresentazione dell’opera in nuovi formati.

Non mancano i giochi online con l’archeologo più famoso del mondo come protagonista. Un esempio si trova nelle adrenaliniche slot machine dei casino in rete. Esiste poi la serie TV “Le avventure del giovane Indiana Jones”. Sono stati scritti diversi romanzi e realizzati fumetti.

Un altro esempio estremamente calzante viene dall’opera “Steins;Gate”, storia nata nel 2009 grazie al lavoro congiunto tra 5pb. e Nitroplus. Il prodotto è stato inizialmente pensato come una visual novel. Si tratta di un videogioco estremamente interattivo: il giocatore può decidere il corso della storia in base alle sue decisioni e alle interazioni con gli altri personaggi. La trama fantascientifica parla di viaggi nel tempo, di e-mail inviate nel passato e di salti temporali. Lo scopo del protagonista è raggiungere lo Steins;Gate, la linea di universo in cui nessuno dei suoi amici muore e in cui regna la pace nel mondo. La storia è stata trasformata in manga e nell’acclamato anime, disponibile su Netflix.

Altro capolavoro transmediale è “Doom”, prodotto id software. Dal successo del videogioco è stato tratto un film nel 2005.  È ambientato in un futuro, dove un avamposto di scienziati su Marte casualmente apre un portale che collega il nostro mondo agli inferi. Ne fuoriescono demoni che distruggono tutto. Ci sarà l’eroe della storia, il cosiddetto Doom guy, l’unico che in solitaria combatte i demoni per impedire che invadano la terra.

La transmedialità è una caratteristica che accomuna le opere di successo. Raccontare la stessa storia in formati diversi, film, giochi, fumetti, permette di intercettare la più ampia fetta di pubblico possibile, a suo agio più con un media che con un altro.


Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.