Dylan Postl attacca Peter Dinklage: «Chi ti ha proclamato re dei nani?»

Infiamma ancora la polemica dopo le affermazioni di Peter Dinklage sul remake di Biancaneve e i sette nani. A rispondergli per le rime è Dylan Postl che ha sentenziato: Seriamente, chi è morto e ha reso Peter Dinklage il re dei nani?

Dylan Postl attacca Peter Dinklage: Chi ti ha proclamato re dei nani?

Dylan Postl ha deciso di non mandarle a dire a Peter Dinklage consegnando al Daily Mail una lunga lettera di considerazioni infuocate sulle conseguenze che avranno le dichiarazioni di Dinklage  proposito del “trattamento” riservato ai nani  nella fiaba di Biancaneve, divenuta film d’animazione di successo nel 1937 e ora soggetto per uno dei prossimi remake Disney.

Dinklage ha accusato la Disney di ipocrisia per la scelta di Rachel Zegler nel ruolo di Biancaneve. Dopo aver affidato la parte a un’attrice latina, critica la condizione dei nani, a suo dire, denigrati e trattati in modo ridicolo: Sei progressista in un senso, ma stai comunque facendo quella fott**a storia retrograda su sette nani che vivono in una caverna insieme, che ca**o stai facendo?!”.

Disney aveva immediatamente risposto alla star de Il Trono di Spade garantendo che il remake di Biancaneve avrebbe riconsiderato la condizione dei nani avvalndosi anche dell’aiuto della comunità di riferimento.

A quanto pare eravamo solo alle battute iniziali della discussione. Ecco la lettera scritta da Postl e pubblicata dal Daily Mail:

Chi è morto e ha fatto di Peter Dinklage il re dei nani? Dylan Postl dice che la star di Hollywood non parla per lui o per gli innumerevoli altri attori nani che vorrebbero recitare in Biancaneve e seguire i loro sogni a Hollywood.

Dylan Postl è un wrestler, attore e autore professionista, che si è esibito nella WWEcon il nome d’arte di Hornswoggle. Bel lavoro Peter Dinklage! Hai delle buone pubbliche relazioni, la Disney ha ottenuto un lasciapassare, l’America è passata al prossimo oltraggio politicamente corretto e piccole persone hanno perso il lavoro.

Fai un inchino, perché è esattamente ciò che accadrà. Dinklage stava cercando di essere sveglio e progressista quando ha chiamato la Disney per aver rifatto Biancaneve, durante un episodio del podcast di Marc Maron. Al giorno d’oggi, se vuoi avere successo a Hollywood, questo deve essere una parte fondamentale del tuo messaggio. Inoltre, siamo tutti bloccati a casa e annoiati. Le celebrità stanno scorrendo i social media alla ricerca di qualcuno o qualcosa da cancellare. Sfortunatamente, questa è la società in cui viviamo. La cultura dell’annullamento ha raggiunto il suo apice. Dinklage ha detto di avere un problema con il modo in cui Biancaneve – una classica, amata fiaba – ritrae i nani. Beh, non ho problemi con Biancaneve. Ciò con cui ho un problema è che Dinklage si mette su un piedistallo e guarda dall’alto in basso i lavori che innumerevoli nani nell’industria dell’intrattenimento vorrebbero riempire.

Sette piccole persone ora saranno senza lavoro. Onestamente, chi è morto e ha nominato Peter Dinklage Re dei Nani? Mi fa incazzare. Ora la Disney dice che stanno “adottando un approccio diverso con questi sette personaggi e si sono consultati con i membri della comunità del nanismo”. Davvero, chi nella comunità del nanismo? Avrei detto loro di riempire ognuno di quei lavori con un attore nano. (Ehi Disney, chiamami! Prenderò ogni ruolo che hai.) Dinklage non è il portavoce dei nani e credere che una persona rappresenti un’intera comunità è ridicolo. Questa cultura dell’annullamento non è solo un problema per i piccoli, è un problema per tutta la nostra società. Non appena qualcuno lancia una polemica, le aziende interrompono immediatamente quello che stanno facendo invece di prendere in considerazione i sentimenti di qualcun altro. Ci deve essere un limite a questa follia. Questo non è modo di vivere. Non possiamo permettere che l’opinione di una persona cambi tutte le nostre vite in un batter d’occhio. Comunque, cosa c’è di così sbagliato in Biancaneve e i sette nani? Dinklage l’ha definita una “storia retrograda su sette nani che vivono in una grotta”. Sbagliato! I nani vivono in un cottage. Lavorano per vivere in una miniera e avevano un sacco di gemme.

Per una favola, questi ragazzi se la cavano abbastanza bene. Erano ricchi. Inoltre, portano Biancaneve a casa loro quando è nei guai. E ogni nano ha la sua personalità: la storia non ritrae tutti i nani allo stesso modo. Ma a quanto pare, secondo Hollywood, tutti i nani sono uguali e Dinklage parla per tutti. Voglio sapere con chi sta parlando la Disney. Hanno chiamato la Little People of America Association? Hanno parlato con persone di statura media? So che non mi hanno chiamato. Tutto quello che ho sempre voluto essere nella vita era un wrestler professionista. Era il mio sogno di quando ero bambino, ma non sono quello che la WWE di solito cerca. Non sono alto 6 piedi e 6 pollici. Non peso 250 libbre. Non sono l’ingaggio dei riflettori, sono diverso. Ma nel 2006, la WWE stava cercando un nano per interpretare un folletto come assistente di Fit Finlay. Ho ottenuto il lavoro. Dal 2006 al 2016 mi sono esibito ogni settimana in una trasmissione televisiva vista in tutto il mondo con il ring name Hornswoggle. Ho vissuto il mio sogno. Quando è stato scelto il film The Greatest Showman ero entusiasta, perché sapevo che ci sarebbero stati ruoli per piccole persone.

Non posso interpretare Spiderman o Batman. Non posso giocare a P.T. Barno. Non sono Hugh Jackman. Ma potrei ottenere un posto in un film importante interpretando un ruolo speciale nel cast. Non è umiliante o degradante assumere un ruolo creato appositamente per una piccola persona. Ma questo è esattamente ciò di cui Dinklage e Disney vogliono sbarazzarsi. I ruoli per i nani sono già pochi e rari e la competizione per loro è feroce. Gli attori nani e di altezza media a volte accettano lavori che non sono perfetti in ogni modo. È così che mi è venuto in mente e francamente è così che è nato Dinklage. Ha interpretato lo stereotipato nano arrabbiato nel classico di Natale di Will Ferrell Elf e nano delle fiabe nelle Cronache di Narnia. I suoi bei stipendi li ha incassati. Perché dovremmo togliere quelle buste paga a qualcun altro?

Perché dovremmo rendere più difficile per gli altri realizzare i loro sogni? Entrare in WWE ha aperto tutto nella mia vita. Ora sono conosciuto in tutto il mondo. Ho una figura d’azione. Ero in due film, Muppets Most Wanted e Leprechaun: Origins. Ho persino scritto un libro, “La vita è breve e così sono io: la mia vita dentro, fuori e sotto il ring”. Lotto ancora in modo indipendente e sto ancora vivendo il mio sogno ogni fine settimana quando vado in viaggio. Spero seriamente che la Disney riconsideri la loro decisione. Dovrebbero assumere attori nani per interpretare questi ruoli. E poi dovrebbero assumere anche stuntman nani. Non lasciare che l’ultima moda del risveglio fuorviata distrugga le opportunità per le persone di perseguire i propri sogni.

Cosa ne pensate delle dichiarazioni di Dylan Postl? Vi aspettiamo nei commenti per parlarne insieme!

Fonte: Daily Mail


Sfoglia tutti i film recensiti da MegaNerd!

Sig.ra Moroboshi

Instagram Meganerd
Contro il logorio della vita moderna, si difende leggendo una quantità esagerata di fumetti. Non adora altro Dio all'infuori di Tezuka. Cerca disperatamente da anni di rianimare il suo tamagotchi senza successo. Crede ancora che prima o poi, leggerà la fine di Berserk.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.