Don Matteo – Terence Hill passa il testimone a Raoul Bova?

Cambio della guardia sul set di Don Matteo, fiction Rai con all’attivo ben dodici stagioni. Terence Hill lascia il posto a Raoul Bova (o almeno così sembra)

Don Matteo - Terence Hill passa il testimone a Raoul Bova?

Terence Hill, 82 anni portati benissimo, si appresta a dire addio al set di Don Matteo, prima dell’avvio delle riprese della tredicesima stagione. Don Matteo, ormai iconico personaggio della TV, pacato parroco della Chiesa di Sant’Eufemia a Spoleto, e amico del maresciallo dei Carabinieri Nino Cecchini (Nino Frassica), lo abbiamo visto risolvere intrigati casi criminali e legali. Ora, dopo ben dodici anni di indagini, forse assisteremo a un passaggio di testimone, come riportato da TV blog e non smentito dai diretti interessati.

Raoul Bova, 49 anni, sarà il nuovo Don Matteo? In realtà l’arrivo di Raoul Bova sul set non sembrerebbe a tutti gli effetti una sostituzione. La tredicesima stagione è stata annunciata come un omaggio a Terence Hill che dal 2000 veste l’abito talare, e la presenza di Raoul Bova dovrebbe esser presa più come una partecipazione a questo grande tributo.

Raoul Bova non sarà il solo a prendere parte alla fiction, è atteso anche il ritorno di Flavio Insinna e presto verranno annunciate molte partecipazioni “famose”. A ogni modo, Raoul Bova pare che prenderà parte soltanto a due puntate.

Le riprese di Don Matteo dovrebbero iniziare quest’estate e, come sempre, saranno blindatissime. La fiction di lungo corso ha all’attivo ben 255 episodi ed è uno dei prodotti Rai più longevi ed amati dal pubblico, tanto da dominare la prima serata sulla rete ammiraglia.

Inutile dire che la notizia sta suscitando una curiosità crescente. L’ultimo episodio si era concluso con Don Matteo e tutta la compagnia in visita al Vaticano, dal Papa. Chissà, in ogni caso la presenza del grande Terence Hill mancherà, e molto, nelle case di tutti gli italiani, qualora dovesse essere sostituito.

Fonte: tvblog / tv.fanpage


Sig.ra Moroboshi

Contro il logorio della vita moderna, si difende leggendo una quantità esagerata di fumetti. Non adora altro Dio all'infuori di Tezuka. Cerca disperatamente da anni di rianimare il suo tamagotchi senza successo. Crede ancora che prima o poi, leggerà la fine di Berserk.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *