Daniel Radcliffe commenta i Tweet transfobici della Rowling

Dopo i Tweet transfobici di J.K Rowling di qualche giorno fa, l’attore interprete di Harry Potter ha deciso di rispondere

Daniel Radcliffe - photo credits: web

Il 6 giugno scorso l’autrice di Harry Potter, J.K. Rowling, è stata accusata di aver pubblicato alcuni Tweet transfobici, che le hanno portato numerosissime accuse da arte del web. Daniel Radcliffe, interprete del maghetto inventato dalla Rowling, ha deciso in queste ore di rispondere. La star ha infatti rilasciato un saggio pubblicato sul sito web del Progetto Trevor, un’organizzazione no profit dedicata all’intervento di crisi e alla prevenzione del suicidio per le persone LGBTQ:

«Le donne transgender sono donne. Qualsiasi affermazione contraria cancella l’identità e la dignità delle persone transgender e va contro ogni consiglio dato dalle associazioni sanitarie professionali che hanno molta più esperienza in materia rispetto a Jo o Io. È chiaro che dobbiamo fare di più per supportare le persone transgender e non binarie, non invalidare le loro identità e non causare ulteriori danni».

L’attore trentenne ha affermato che il 78% dei giovani transgender e non binari ha dichiarato di essere stato discriminato a causa della sua identità di genere.

Questo il messaggio della Rowling

La Rowling ha sostenuto che la discussione sull’identità di genere invalida il sesso biologico:

«Se il sesso non è reale, non c’è attrazione per lo stesso sesso. Se il sesso non è reale, la realtà vissuta delle donne a livello globale viene cancellata. Conosco e amo le persone trans, ma cancellare il concetto di sesso rimuove la capacità di molti di discutere in modo significativo delle loro vite. Non è odio dire la verità . L’idea che le donne come me, che sono state empatiche nei confronti delle persone per decenni, sentono la parentela perché sono vulnerabili allo stesso modo delle donne – vale a dire, alla violenza maschile – odiano le persone trans perché pensano che il sesso sia reale e ha vissuto conseguenze – è un’assurdità.

La Rowling è stato immediatamente criticata da una serie di persone, tra cui importanti attivisti e organizzazioni queer, per aver negato le conseguenze vissute delle esperienze delle persone trans. Molti fan di Harry Potter hanno anche espresso angoscia per il fatto che la Rowling avesse danneggiato, forse irreparabilmente, il loro amore per i sette libri.

Daniel Radcliffe ha così commentato

A tutte le persone che ora sentono che la loro esperienza con i libri è stata offuscata o diminuita, sono profondamente dispiaciuto per il dolore che questi commenti vi hanno causato. Spero davvero che non perderete del tutto ciò che è stato prezioso in queste storie.
Se questi libri vi hanno insegnato che l’amore è la forza più forte dell’universo, capace di vincere qualsiasi cosa; se hanno insegnato che la forza si trova nella diversità e che le idee dogmatiche di purezza portano all’oppressione dei gruppi vulnerabili; se ritenete che un determinato personaggio sia fluido trans, non binario o di genere o che sia gay o bisessuale; se avete trovato qualcosa in queste storie che risuona con voi e vi ha aiutato in qualsiasi momento della tua vita. Allora è tra voi e il libro che leggi è sacro. E secondo me nessuno può toccarlo. Spero che questi commenti non lo contaminino troppo.

Mi sento in dovere di dire qualcosa in questo momento”. Così ha concluso Radcliffe.


Sfoglia tutti i film recensiti da MegaNerd!
Avatar

CapitanRyu

Nato con il Gameboy in mano, spendo tutto quel che ho in roba Nerd: videogames, anime, manga, figure, mi intriga tutto ciò che proviene dal misterioso mondo del Sol Levante. Storico per passione, Nerd di professione, non vedo l'ora di raccontarvi ciò che mi appassiona!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *