Cinema – L’ANEC frena su una possibile riapertura a breve

L’ associazione ANEC è intervenuta sulla questione cinema e teatri diramando un comunicato che spiega i motivi di un’improbabile apertura a breve delle sale

cinema-usa-preparano-riapertura-sale-com-e-situazione-italia-v3-446189.jpg

Qualche giorno sono giunte voci riguardo al vaglio nel nuovo DPCM di misure volte alla riapertura di teatri e cinema almeno nelle zone gialle. Il lavoro congiunto del Ministro per i Beni e le Attività Culturali Dario Franceschini e il Comitato Tecnico Scientifico aveva portato a ipotizzare due date per la riapertura di uno dei settori più colpiti dal COVID -19: il 27 marzo o il 6 aprile prossimi. Sembrava quindi che una luce in fondo al tunnel fosse finalmente visibile per tutti gli addetti al settore.

Sulla questione, però, è intervenuto l’ANEC (Associazione Nazionale Esercenti Cinema) frenando gli entusiasmi di tutti. Con un comunicato l’ANEC ha spiegato come la strada sia ancora lunga e che le date indicate dal Comitato Tecnico Scientifico siano da considerare come ‘date simboliche‘ di ripartenza. Con la situazione attuale che riguarda tutto il territorio nazionale, ipotizzare una riapertura è abbastanza improbabile in quanto difficilmente i distributori programmerebbero nuove uscite stante l’incertezza dell’indice RT in continua oscillazione da una settimana all’altra in tutte le Regioni d’Italia. Inoltre, afferma l’ANEC, bisogna attendere la prosecuzione della campagna vaccinale e solo quando verranno allentate le misure (auspicabilmente già in aprile) si potrà pensare a un piano per riaprire le sale. Di seguito un estratto del comunicato dell’ANEC:

“Dopo mesi di lunga attesa, finalmente le sale cinematografiche tornano al centro dell’azione di governo con i primi passi che accompagneranno la ripartenza del comparto – dichiara l’ANEC, associazione nazionale esercenti cinema – Il ministro della Cultura On. Dario Franceschini ha veicolato sul tavolo del governo e promosso al Comitato Tecnico Scientifico la necessità di far ripartire i luoghi della cultura, forti della presa d’atto che i protocolli già definiti mesi or sono individuano le sale cinematografiche come sicure. La data del 27 marzo non può però essere considerata la ripartenza del settore, ma il primo passo del suo percorso. Le attuali condizioni epidemiologiche impongono agli esercenti misure restrittive tali da non consentire al mercato di ripartire in maniera strutturata. […] Anec, unitamente all’intero comparto dell’esercizio cinematografico e i partner della distribuzione, ha presentato al Ministero un protocollo, partendo da quello con cui ha lavorato ad ottobre, con il rafforzamento di alcune misure, ma non uno stravolgimento. Si rileva, invece, che dall’analisi del Comitato Tecnico Scientifico si porrebbero condizioni estremamente restrittive che non consentiranno l’uscita di nuovi film in sala inibendo la riapertura della maggior parte delle sale, costrette ad una insostenibilità economica dell’attività. Fondamentali le dichiarazioni del ministro di questa mattina, per le quali lo ringraziamo, in cui emerge appieno la conoscenza delle dinamiche del settore cinematografico, sottolineando come si sia voluto intraprendere un percorso simbolico ma doveroso con la data del 27 marzo, e si ribadiscono gli aiuti al comparto per il periodo di chiusura e un sostegno per accompagnare le imprese fuori dall’emergenza. Conclude infine l’ANEC: “Confidiamo in un consolidamento del piano vaccinale che permetta nel mese di aprile di rivedere le forti restrizioni richieste allo stato attuale e poter finalmente parlare della ripartenza del mercato cinema, con graduale rafforzamento delle uscite di prodotto arricchito man mano dai blockbuster internazionali.”

Bisognerà, pertanto, attendere ben più del 27 marzo o del 6 aprile 2021 per poter tornare al Cinema. Sperando che nel frattempo la piaga del COVID-19 allenti la sua presa sul Mondo intero.


Doc. G

Il mio nome e' Doc. G , torinese di 36 anni lettore compulsivo di fumetti di quasi ogni genere (manga, italiano, comics) ma che ha una passione irrefrenabile per Spider-Man! Chi è il miglior Spider-Man per me? Chiunque ne indossi il costume.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *