Carrie Fisher – Il ricordo di Mark Hamill nel 4° anniversario

A quattro anni dalla scomparsa di Carrie Fisher, Mark Hamill ha ricordato la sua compagna di set e sorella, nella Galassia di Star Wars.

Carrie Fisher e Mark Hamill

Carrie Fisher, volto dell’iconica Principessa Leia, ci ha lasciati ormai quattro anni fa. L’attrice è scomparsa il 27 dicembre 2016, a soli sessant’anni, a seguito di un infarto che la colpì pochi giorni prima su un volo Londra – Los Angeles. Da quel giorno, il ricordo di Leia Organa e della sua interprete è rimasto sempre vivo nel cuore dei fan della Galassia lontana lontana, ma non solo.

Oggi, nel quarto anniversario della sua scomparsa, Mark Hamill ha rivolto un delicato pensiero a Carrie Fisher. Sul suo profilo Twitter ufficiale, il volto di Luke Skywalker ha condiviso l’hashtag Always with us, cioè Per sempre con noi, accompagnato dal tributo fatto alla memoria della nostra principessa, e quindi della sua interprete, comparso in Episodio VIII.

Gli Ultimi Jedi è stato proprio l’ultimo film ad essere girato da Carrie Fisher. La pellicola, diretta da Rian Johnson, è poi arrivata nelle sale il 13 dicembre 2017, ad un anno dalla scomparsa del volto del Generale Organa. La Fisher, però, aveva terminato di girare le proprie scene prima di morire. Utilizzando poi le riprese scartate da Episodio VII, e grazie all’aiuto della computer grafica, abbiamo ritrovato la nostra Leia anche in Episodio IX, uscito nel 2019. Inoltre, Billie Lourd, la figlia di Carrie Fisher, ha fatto da controfigura per la giovane Leia che vediamo in un flashback.

Una leggenda come quella di Carrie Fisher, fondamentale per l’impatto che la principessa Leia ha avuto su intere generazioni, non verrà certo dimenticata. Perchè Leia, e quindi Carrie, sono un’icona di Forza, grazia e resilienza.

Star Wars Leia Organa

Che la forza sia con te, ovunque tu sia, Carrie.


Sfoglia tutti i film recensiti da MegaNerd!

Chissia di Themyscira

Nata a Themyscira, smistata in Grifondoro, finita nel Sottosopra. Vivo la mia vita un tetramino alla volta, tra libri di storia e pagine che sanno di lillà e uvaspina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *