30 Giorni – Storia di una schizofrenia: il graphic novel d’esordio di Fabrizio Gargano

Abbiamo letto 30 Giorni – Storia di una schizofrenia, graphic novel che ci conduce nel cono d’ombra della mente umana, quella di Roberto, schizofrenico costretto a convivere con un mondo fatto di lucidi dottori, farmaci, e di poco tempo a disposizione

recensione 30 giorni

Potrei dirvi come inizia la storia di Roberto o scegliere di svelarvi come finisce. Ma questa breve incursione in 30 Giorni non finirà così; in realtà non avrà proprio fine.

Potreste decidere di iniziare a conoscere Roberto partendo dalla fine del suo racconto anziché dalla prima pagina.

Roberto non è un personaggio di fantasia. È un uomo in carne e ossa che vive in mondi a noi sconosciuti, varcando archi temporali estranei al nostro raziocinio.

Roberto è schizofrenico. Roberto è matto. E voi state per partecipare a una delle mille versioni che lui ha ideato della sua storia.


30 Giorni – Storia di una schizofrenia è l’opera d’esordio di Fabrizio Gargano, un operaio per necessità, un Artista per vocazione. 

Un graphic novel difficile da digerire se divorato di colpo, trattenendo il fiato; una storia che vi sazierà debitamente se vi prenderete il vostro tempo per leggerla. Già. Il tempo. Questo nemico fatale di Roberto e di tutti noi che non ci lascia via di scampo.

Roberto è schizofrenico. Roberto è matto. Faber cantava il Matto di Masters  insegnandoci che un a matto neppure la notte lo lascia da solo, gli altri sognan se stessi e tu sogni di loro. E così in 30 Giorni diventa difficile distinguere il sogno dal vero, la lucidità dal delirio; Roberto ci instrada tra i suoi dottori e la sua famiglia, tra le sue sensazioni viziate dai farmaci e momenti di straordinaria follia.

Tratto da una storia tragicamente vera, quella del cognato dell’Autore, 30 Giorni è uno spaccato sulla psicosi dal punto di vista di chi con la malattia è costretto a conviverci rassegnato a non essere compreso. Di chi passa la vita da una terapia ad un’altra, da un TSO all’illusione della libertà.

Roberto è schizofrenico. Roberto è matto e ha bisogno di fuggire.

Gargano si dimostra un abile narratore che sa dosare con un garbo, quasi portato all’estremo, i pensieri del protagonista e lo aiuta a ragionare con scelte stilistiche lucide, sintetiche. Riversa su carta le sensazioni di Roberto, la diffidenza di chi non crede che esistano soluzioni, se non quelle drastiche come farla finita o inventare giustificazioni per l’odio indomabile verso i propri cari. L’Autore manda la pioggia per calmare il suo protagonista o gli concede l’ennesima sigaretta liberandolo dai sensi di colpa. Perché è proprio così, non è colpa di Roberto, l’Autore lo sa e lo protegge.  

ALT!, Editore coraggioso e lungimirante, è un’associazione di promozione sociale che diffonde il valore della lettura attraverso l’organizzazione di eventi culturali e la pubblicazione di autoproduzioni. Con 30 Giorni – Storia di una schizofrenia, ALT! ci regala un prezioso momento di riflessione e una splendida lettura che volge lo sguardo all’altro lato della luna, quello buio che dobbiamo trovare il coraggio di affrontare smettendo di voltarci dall’altra parte.

Roberto è schizofrenico. Roberto è matto. Eppure ormai non ne sono così convinta.

 

 

 

Abbiamo parlato di:

30 Giorni - Storia di una schizofrenia

copertina-30-giorni
Soggetto, sceneggiatura e disegni: Fabrizio Gargano
Postfazione della Dott.ssa Elena Ferraioli
Formato: 168 pagine, colore, brossura, 17x24
Prezzo: € 18,90
Editore: ALT! Associazione Lettori Torresi
Voto: 7



Mr. Kent

Appassionato di fumetti, curioso per natura, attratto irrimediabilmente da cose che il resto del mondo considera inutili o senza senso. Sono il direttore di MegaNerd e me ne vanto.

Commenti