Le nostre previsioni per gli Oscar 2019


In attesa di ritrovarci domani sera in diretta, ecco i pronostici di MegaNerd per gli Oscar 2019.

oscars-2019numero-magazine

La California non è la sola “patria” del cinema, sia chiaro, ma ne è la mecca indiscussa.

Ogni paese del vecchio e del nuovo mondo ha regalato alla settima arte piccoli capolavori, movimenti e generi capaci di nutrire l’immaginario collettivo di milioni di spettatori. Però – perché c’è sempre un però – se è della mondanità che ruota intorno a questo immaginario che vogliamo parlare, oggi è il momento migliore per farlo e Hollywood è il luogo perfetto su cui calare il nostro sguardo sognante.Tra qualche ora, infatti, torneranno ad accendersi i riflettori del Dolby Theatre di Los Angeles dove andrà in onda la 91° cerimonia di consegna degli Academy Awards, meglio noti come premi Oscar, in un’edizione che potremmo definire “inedita” per almeno tre generazioni di giovani cinefili. Infatti, per la prima volta dopo 30 anni, non ci sarà nessun presentatore a dirigere la platea di attori, lacrime, outfits discutibili e papabili candidati alle prossime presidenziali degli Stati Uniti. Dopo la rinuncia (quasi) al fotofinish di Kevin Hart, l’Academy ha optato per una conduzione “autogestita” della cerimonia che, almeno da previsioni, tornerà a regalarci quasi cinque ore di diretta con la consegna live di tutte le statuette previste.

Siamo agli sgoccioli, quindi, con la stessa ansia reiterata della “notte prima degli esami”, quella in cui si mescolano speranze, timori, attese e previsioni su un’annata di cinema americano che già da oggi potremmo definire piuttosto “felice”, in termini di contenuti ed interpretazioni. Come per ogni edizione, dopo questa notte di “giovani attori, di pizze fredde e di calzoni” ci saranno spazio per i commenti del giorno dopo che, come redazione di MegaNerd, condivideremo in diretta Facebook serale a cui vi invitiamo a partecipare sin da ora.


Come già accennato, la “notte prima degli esami” è fatta di speranze ma anche di pronostici, quelli che a noi cinefili fanno un po’ storcere il naso, sempre divisi tra la critica elitaria dei “primi piani alla Bergman” e la fascinazione indiscreta per il cinema leggero, quello che ci ha aiutati a crescere e ad affinare il gusto e lo sguardo. E allora, bando alle ciance e in attesa di ritrovarci domani sera in diretta, ecco i pronostici di MegaNerd per gli Oscar 2019.

 

MIGLIOR FILM

Roma

Green Book (outsider)

 

MIGLIOR REGIA

  1. Cuaron (Roma)

 

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

  1. Malek
  2. Bale (outsider)

 

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA

  1. Close
  2. Colman (outsider)

 

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

  1. Ali

 

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA

  1. King
  2. Weitz (outsider)

 

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE

La Favorita

 

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE

BlacKkKlansman

 

MIGLIOR FILM STRANIERO

Roma

Cold War (outsider)

 

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE

Spider-Man: un nuovo universo

 

MIGLIOR MONTAGGIO

Vice

 

MIGLIOR SCENOGRAFIA

Roma

Black Panther (outsider)

 

MIGLIOR FOTOGRAFIA

Roma

 

MIGLIORI COSTUMI

La Favorita

Black Panther (outsider)

 

MIGLIOR TRUCCO

Vice

 

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI

Avengers: infinity war

Ready Player One (outsider)

 

MIGLIOR SONORO

Roma

Bohemian Rhapsody (outsider)

 

MIGLIOR MONTAGGIO SONORO

Bohemian Rhapsody

First Man (outsider)

 

MIGLIOR COLONNA SONORA

Il ritorno di Mary Poppins

 

MIGLIOR CANZONE

Shallow (A star is born)

Sfoglia tutti i film recensiti da MegaNerd!

Madamedetourvel

Cinefila innata, politica per “sbaglio”, videomaker per vocazione. Sorvolando sui numerosi difetti, è grande sostenitrice dell’(auto)ironia, della cioccolata e delle sigarette fumate al buio. A metà del terzo giro di boa tenta di amare l’umanità, di non decomporsi e di trovare risposte a domande che – fortunatamente – continueranno a cambiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *