Stephen King è convinto che i fan ameranno il nuovo film su IT

it-film

Il grande maestro dell’horror Stephen King non ha dubbi: i fan di IT ameranno questa nuova versione cinematografica. Intervistato da Bloody Disgusting, lo scrittore ha dichiarato di questa nuova trasposizione del suo romanzo: «Ci speravo ma non mi aspettavo che fosse così bello. Ci sono delle differenze col romanzo, ma il pubblico riuscirà a identificarsi. Vi piaceranno i personaggi. Per me, dipende tutto dai personaggi. Se vi affezionate ai personaggi, allora il film riuscirà a spaventarvi.»

«Sono sicuro che ai miei lettori piacerà molto. E sono certo che alcuni di loro torneranno a vederlo due o tre volte. Io l’ho visto due volte. La seconda volta ho notato cose che mi erano sfuggite la prima volta.»

Beh, se lo dice lui, direi che a questo punto possiamo davvero fidarci…

Adattamento dell’omonimo romanzo di Stephen King, IT si incentra sulla prima parte del racconto, ambientata negli anni 80. Il palloncino rosso che galleggia a mezz’aria è il biglietto da visita di una misteriosa entità demoniaca che tormenta i ragazzini di Derry, attirandoli in una trappola mortale senza vie di scampo. Nell’immaginaria cittadina del Maine dove la gente scompare senza motivo, l’ennesima vittima è un bambino di sette anni di nome George, risucchiato in un tombino durante un temporale. Un gruppo di ragazzini perseguitati dai bulli per diverse ragioni, si riunisce sotto la denominazione di Club dei Perdenti per indagare sul mistero della morte di George e degli altri ragazzi scomparsi. Leader dei Perdenti è il giovane Bill Denbrough (Jaeden Lieberher), fratello maggiore dell’ultima vittima, attanagliato dai sensi di colpa per non aver impedito il brutale assassinio. Al suo fianco, bersagli naturali dei prepotenti per indole, aspetto o condizioni economiche, ci sono il grassoccio Ben (Jeremy Ray Taylor), l’impulsivo Richie (Finn Wolfhard), il pragamatico Stan (Wyatt Oleff), l’appassionato di storia Mike (Chosen Jacobs), l’ipocondriaco Eddie (Jack Dylan Grazer) e l’unica ragazza della banda Beverly (Sophia Lillis). Quando la ricerca li conduce a un clown sadico e maligno chiamato Pennywise (Bill Skarsgård), ciascuno dei coraggiosi componenti del neonato Club si rende conto di averlo già incontrato prima.

 

4 Comments

  • “se lo dice lui allora possiamo fidarci” mica tanto. Ti ricordo che il re fu molto deluso dallo shining di Kubrick. Poi la miniserie da lui promossa anni dopo era na mezza schifezza quindi. E potrei fare altri esempi dei pessimi gusti cinematografici di King. Un previsione ben argomentata la detta la Barbato nella bella intervista che avete postato.

    • Ciao Alessandro,
      innanzitutto grazie per i complimenti all’intervista. Tendenzialmente se un autore parla bene di una trasposizione di un suo progetto (che equivale in qualche modo a un “figlio intellettuale”), mi fido. Poi magari faccio male, eh!
      Però un’occhiata al film la daremo più che volentieri…

  • le interviste che fate sono veramente fiche. anche quella a Cristina D’Avena mi è piaciuta molto.
    per IT beh certamente lo vedro anche se dopo l’abbandono di Fukunaga un po’ la scimmia mi è scesa :-/

  • […] curiosità mista ad impazienza per poter andare al cinema e guardare il film, soprattutto dopo le dichiarazioni entusiastiche espresse da Stephen King. Viene però da chiedersi se questa pellicola saprà essere fedele al […]

Commenti