Sei videogiochi con gli zombie (escluso Resident Evil)

Siamo irrimediabilmente attratti dai morti che camminano, c’è poco da fare. Sarà quel minimo background horror che tutti noi ci portiamo dietro, chissà. Oggi vogliamo dunque parlarvi dei sei migliori videogiochi con gli zombie… escluso Resident Evil, ovviamente

Quando pensiamo a videogiochi con gli zombie, ci viene in mente istantaneamente la serie di Resident Evil. Neanche tutta, a dire il vero. A rimanere fedeli alla tematica zombie sono stati i primi tre capitoli, il Code Veronica, i due capitoli Outbreak, insomma, tutti quelli che sono venuti prima di Resident Evil 4, episodio che ha segnato un cambio di rotta.

E se un videogiocatore avesse voglia di affrontare orde di zombie, pur avendo già giocato tutti i capitoli della saga Capcom, comprese le riedizioni in HD? Nel mondo dei videogiochi, l’apocalisse zombie è stata trattata tantissime volte, per fortuna o purtroppo, dipende dai punti di vista. A volte con ottimi risultati, altre con esiti ben al di sotto delle aspettative.

Vogliamo elencarvi sei videogiochi con una massiccia presenza di zombie. Attenzione, zombie intesi come morti viventi o giù di lì. Non metteremo, ad esempio, The Last of Us, gioco meraviglioso ma che, in realtà, non ha veri e propri zombie.

6 videogiochi con gli zombie

Dying Light

videogiochi con gli zombie dying light

Il miglior videogioco dell’attuale generazione con tematica zombie. Vestiamo i panni di un agente della GRE, un’associazione umanitaria, mandato nella città turca di Harran a cercare un file importantissimo per la sopravvivenza dell’umanità. Senza quel file, una cura per l’epidemia che ha trasformato la popolazione in zombie non potrà mai essere sintetizzata. Kyle Crane, questo il suo nome, dovrà muoversi tra migliaia (e non è un’iperbole) di queste creature cercando il meno possibile il contatto diretto.

Come fare? Utilizzando tetti degli edifici, automobili e quant’altro per rimanere sempre in una posizione elevata, irraggiungibile agli zombie. La meccanica più interessante del gioco è il ciclo giorno-notte. Mentre di giorno gli zombie saranno meno letali e più facili da evitare, la notte (dalle 20.50 in poi) la città si popolerà di zombie più forti e veloci, e da cacciatori diventeremo prede.

Dying Light è disponibile su PS4, Xbox One e PC.

ZombiU

zombiu

Anno 2012, l’Apocalisse zombie ha colpito la terra, tenendo fede a un’antica profezia dell’astronomo gallese John Dee denominata Profezia Nera. Il gioco è ambientato a Londra e il giocatore veste i panni di un sopravvissuto che deve lottare con le unghie e con i denti (ma una bella mazza è meglio) per rimanere vivo e umano. ZombiU riesce a tenere sempre alta la tensione grazie al permadeath. Se infatti verremo uccisi o morsi, dovremo ricominciare tutto da capo nei panni di un altro sopravvissuto.

Il personaggio precedente si ripresenterà sotto forma di morto vivente e dovremo ucciderlo per riavere indietro il nostro equipaggiamento. Il gioco sviluppato da Ubisoft Montpellier è disponibile su WiiU, PS4, Xbox One e PC. Sulle console non Nintendo il titolo è semplicemente Zombi.

Dead Rising

dead rising

Capcom torna a mostrarci cosa sia in grado di fare quando sviluppa videogiochi con gli zombie (quelli veri che tanto ci piacciono). Dead Rising è una serie che fa largo uso di scene splatter e di humour nero. Non possiamo definirlo un gioco horror, ma la sensazione di essere braccati da queste creature è ben ricreata. Il primo capitolo della serie, d’altronde, è un chiaro omaggio al film Zombi (Dawn of the Dead) del maestro George Romero. Il protagonista è Frank West, un reporter freelance che decide di indagare nella città di Willamete, in Colorado, dopo l’interruzione di tutte le comunicazioni.

La cittadina è stata invasa dagli zombie e così Frank non può fare altro che rifugiarsi in un supermercato in attesa che un elicottero torni a riprenderlo. Il nostro scopo è sopravvivere per sei ore reali (72 nel mondo di gioco), durante le quali potremo fare tutto quello che vogliamo. Ci sono altri sopravvissuti da salvare, ci sono dei casi aperti da risolvere, ma se volessimo passare sei ore filate solo ad ammazzare zombie, nessuno ce lo impedirebbe. La quantità di armi a disposizione è assurda: 25.000! Ogni singolo oggetto del supermercato può essere usato contro gli zombie.

Lollipop Chainsaw

videogiochi con zombie

Ecco cosa succede quando Goichi Suda (Suda51) incontra gli zombie. Lollipop Chainsaw è un titolo folle, trash e divertentissimo. La protagonista è l’avvenente Juliet Sterling, una cheerleader che nasconde un segreto: in realtà, è una cacciatrice di zombie, come tutti gli altri membri della sua famiglia. Una mattina, troverà la scuola che frequenta, la San Romero High School, invasa dagli zombie. Tutti i suoi amici si sono trasformati, compreso il suo fidanzato. Con un colpo di motosega, Juliet lo decapita per poi praticare un rito magico che riporta in vita… solo la testa del giovane. La testa senziente, attaccata alla gonnellina da cheerleader, ci accompagnerà per tutta l’avventura.

Acrobazie sexy e splatter sono i punti di forza di Lollipop Chainsaw. Non siamo di fronte a un capolavoro, ma a una piacevole reinvenzione della tematica “zombesca”.

Il titolo è disponibile su Playstation 3 e Xbox 360.

The Walking Dead

the walking dead

Titolo di cui vi abbiamo parlato in un precedente articolo, sei videogiochi tratti o ispirati da serie tv.

Videogioco ufficiale della serie TV diretta da Frank Darabont. Riprende in tutto e per tutto la natura episodica della serie, dividendosi anch’esso in stagioni. Mentre il The Walking Dead televisivo consta di ben otto stagioni, il videogioco sviluppato da Telltale è arrivato alla seconda e una terza è in lavorazione.

The Walking Dead è un’avventura grafica che si basa sul concetto di “effetto farfalla”, cioè la possibilità di cambiare il corso degli eventi modificando le proprie scelte in base alla situazione. Non esistono scelte sbagliate o scelte giuste in termini di gameplay, ma ogni decisione ha delle conseguenze che influenzano il prosieguo dell’avventura.

Un titolo affascinante che porta a prendere strade che non vorremmo mai percorrere. Nonostante la grafica non certo fotorealistica, gli zombie ci metteranno davvero tanta paura a causa dell’enorme pressione che avremo nel prendere una decisione.

State of Decay/State of Decay 2

state of decay zombie

Esclusiva Microsoft che affronta nel modo più “realistico” possibile un’eventuale apocalisse zombie. State of Decay è un survival open world in cui saremo impegnati nella ricerca di risorse, materiali, veicoli, benzina, armi e tanto altro per sopravvivere in un mondo infettato dall’epidemia. L’unione fa la forza, quindi, cercare altri sopravvissuti ci consentirà di aumentare le nostre possibilità di sopravvivenza.

Il gioco ci dà la possibilità di prendere possesso di rifugi e di costruire campi base e infermerie per fondare una vera e propria comunità di sopravvissuti. Chi viene morso si trasforma in zombie, ma se riusciamo a intervenire in tempo curando la piaga, salveremo la vita del nostro compagno e impediremo che la nostra comunità venga messa in pericolo.

Nonostante un gameplay a volte un po’ legnoso e impreciso nelle fasi più concitate, State of Decay è un’ottima soluzione per chi ha voglia di videogiochi con gli zombie.

Michele Longobardi

Appassionato di videogiochi da circa venti anni. Il suo obiettivo principale nella vita è vivere avventure fantastiche e fuori dal comune... senza uscire di casa sarebbe meglio. I videogiochi gli vengono così in aiuto. La vita reale è per lui troppo sopravvalutata.

Commenti