[Recensione] Il Mitico Thor: Ragnarok

 

Uno dei motivi per cui bisogna assolutamente ringraziare l’ondata di cinecomics che da qualche anno a questa parte hanno invaso le sale cinematografiche, è senza dubbio per il fatto di poter avere nuove edizioni di storie da troppo tempo sparite dagli scaffali delle fumetterie. Storie importanti, che hanno impresso nell’immaginario collettivo quel “senso di meraviglia” di cui i tempi moderni hanno disperatamente bisogno e che finalmente tornano disponibili per tutti. Magari anche per chi non ha mai letto nulla di un determinato personaggio, ma è stato incuriosito dal film.

Il Mitico Thor: Ragnarok è senza dubbio uno di quei volumi da avere: ci troviamo al cospetto di un’opera realizzata da due vere e proprie leggende del fumetto americano, Roy Thomas e John Buscema. Due artisti che hanno lasciato un’impronta indelebile nella lunga storia della Marvel: durante la sua gestione di Thor, Thomas ha voluto approfondire di più il lato “divino” del personaggio, rispetto a quello supereroistico. Tutte le tematiche legate alla tradizione norrena introdotte agli albori della collana da Stan Lee sono state riprese per cercare di far evolvere ancor di più un personaggio così affascinante. Un percorso interessante, esploso totalmente nella miniserie raccolta in questo volume: un progetto non facile, visto che il tema del Crepuscolo degli Dei è sempre stata una costante nelle storie del Dio del Tuono.

Nel corso degli anni, vari scrittori hanno provato a cimentarsi con il mito del Ragnarok, ma la saga di Thomas e Buscema, ancora oggi, non ha davvero eguali. Il ritmo e il coinvolgimento che si provano immergendosi nella storia vi faranno dimenticare che si tratta di un’opera uscita per la prima volta negli anni Settanta…

thor

Le antiche profezie della veggente Volla sulla caduta degli Dei sembrano avverarsi: per la prima volta, Thor si troverà faccia a faccia con il Ragnarok, un evento per cui neanche le forze combinate di Odino e degli altri valorosi guerrieri di Asgard, potranno nulla. La caduta del prode Balder sarà solo il primo passo di una storia drammatica, ricca d’azione e di pathos, in cui vedremo la fine avvicinarsi in modo inesorabile… le forze della morte agli ordini di Hela sono pronte ad avventarsi sul mondo degli Dei, mentre vecchie conoscenze continuano a tramare nell’ombra. La sensazione che sia ha leggendo questo racconto suddiviso in sette capitoli, è quella dell’impotenza: vedremo Thor combattere, certo, ma avremo la sensazione che nonostante tutti gli sforzi, stavolta sarà proprio il male ad avere la meglio. D’altra parte è nel ciclo naturale delle cose, niente è per sempre. Nemmeno Asgard.

Thomas utilizza praticamente tutti i personaggi della grande saga del Dio del Tuono, inserendone anche qualcuno di nuovo e realizza una trama che appassiona senza stancare mai. I disegni di Buscema, ragazzi. Un vero e proprio tripudio per gli occhi, immagini che riempiono la mente e la fantasia anche dopo averle viste decine di volte. Certo, lo stile del racconto può apparire decisamente più didascalico rispetto alle storie moderne… ma dopo qualche pagina, non ci farete neanche più caso. Questa è una di quelle storie che riescono a superare la prova del tempo e che ti fanno innamorare di nuovo della Marvel.

thor275_1

Vedremo una troupe televisiva sbarcare su Asgard. Vedremo Thor disperarsi per un amico caduto. Vedremo un Loki incredibilmente diabolico. Vedremo il Ragnarok, il Crepuscolo degli Dei e… un nuovo Thor?!

Se non l’avete mai letto, fidatevi di MegaNerd e correte in fumetteria: questo volume è una piccola, grande perla nella grande storia Marvel.

Mr. Kent

 

 

Abbiamo parlato di:

thor ragnarokIL MITICO THOR: RAGNAROK

Storia: Roy Thomas
Disegni: John Buscema
Formato: 17 x 26, 140 pp., col, cartonato
Prezzo: € 14,00
Editore: Panini Comics

Voto: 8

 

 

 

 

 

Mr. Kent

Appassionato di fumetti, curioso per natura, attratto irrimediabilmente da cose che il resto del mondo considera inutili o senza senso. Sono il direttore di MegaNerd e me ne vanto.

4 Comments

  • Io non ho mai letto il fumetto, ma ho appena visto il film ed è qualcosa di imbarazzante. Forse il peggiore film Marvel mai fatto.

    • Questa cosa ce la stanno dicendo tutti, noi lo vedremo solo domenica. Nel frattempo, per riconciliarti con il VERO Thor, ti consiglio questo volume: merita davvero.

  • Un film muscolare, ironico, un po’ blasfemo per chi è innamorato della mitologia nordica. C’è però un richiamo ad Asgard e al popolo, verso la fine, però. Comandano le donne, e questa è una novità. Neanche troppo scontata. Da vedere? Non per forza, ma se fuori viene giù il diluvio, al cinema almeno non piove.

    • Beh, vista in questo modo non possiamo certo darti torto.
      A noi non è piaciuto molto (forse un po’ solo al Dottor Prugna…), ma il mondo è bello perché vario!

Commenti