Pappa e Ciccia: revival cancellato a causa di una battuta razzista di Roseanne Barr

Nostalgia della sitcom più vera e genuina degli anni ’90? Dimenticatevi di Pappa e Ciccia, Roseanne questa volta l’ha fatta grossa e ci ha salutato definitivamente

La tv americana Abc ha deciso di cancellare il remake della sit-com «Roseanne» (in Italia «Pappa e Ciccia») dopo che la protagonista ha twittato un insulto razzista contro una consigliera dell’ex presidente Usa Barack Obama, Valerie Jarrett. L’attrice Roseanne Barr, star della serie tv che porta il suo nome e grande sostenitrice del presidente Donald Trump, ha paragonato l’afroamericana Jarrett a una scimmia, pubblicando poi anche una serie di tweet offensivi contro l’ex «first daughter» Chelsea Clinton e contro il finanziare George Soros.

Scaricata

«Il tweet di Roseanne è aberrante, ripugnante e non in linea con i nostri valori, quindi abbiamo deciso di cancellare lo show», ha annunciato in una nota il presidente di Abc Entertainment, Channing Dungey. Fermare la sit-com «era l’unica cosa da fare e la cosa giusta da fare», ha concordato il presidente della Disney, Bob Iger. Anche la società che segue l’attrice, Icm Partners, l’ha scaricata dopo il tweet razzista.

I tentativi di scuse

Barr ha tentato di giustificarsi dicendo che il tweet era uno scherzo, poi ha cancellato il messaggio e infine si è scusata. «Mi scuso con Valerie Jarrett e con tutti gli americani. Mi dispiace davvero aver fatto una brutta battuta sulla sua politica e il suo look. Avrei dovuto pensarci. Perdonate la mia battuta di cattivo gusto», ha scritto. «Roseanne» si era rivelata una delle serie tv di maggior successo quest’anno con 18 milioni di telespettatori per la prima puntata, lo scorso marzo.

Commenti