JappoManzi – Top ten dei personaggi made in Japan che infiammano i cuori

Saki e la Sig.ra Moroboshi hanno unito le forze per uno speciale davvero bollente: ecco infatti dieci personaggi provenienti dal mondo dei manga e degli anime che hanno fatto strage di cuori

speciale jappomanzi
È più forte di noi, ogni tanto dobbiamo tirar giù qualche top ten e attirare l’ira del mondo nerd. Improvvisamente, la voglia di leggerezza ha preso il sopravvento ed eccoci qui, cariche più che mai e pronte a stilare una lista di ragazzi bellissimi che a più riprese ci hanno rapito il cuore. Sia chiaro: si gioca, non siamo sessiste e rimane tutto confinato nel mondo della fantasia, dove qualche licenza si può anche prendere. Il tempo passa, ma alcuni protagonisti maschili, che spaziano indifferentemente tra anime e manga, ci hanno fatto sognare di essere accanto a loro, combattere le loro guerre, consolarli nei momenti bui, gioire quando le loro storie conoscono un lieto fine. Abbiamo messo in atto un feroce ammutinamento del caporedattore e conquistato due bonus, ma anche così sappiamo di aver lasciato fuori personaggi amatissimi da noi e voi. Perdonateci, abbiamo dovuto usare la ghigliottina ed essere spietate. In ordine assolutamente sparso (forse), eccovi la top ten+2 dei Jappomanzi di Saki e della Signora Moroboshi.

Capitan Harlock: l’uomo che vi farà vedere le stelle

Capitan Harlock, l'uomo che vi farà vedere le stelle

Non c’è ragazza che non abbia perso la testa per Harlock. L’uomo che ha rinunciato a tutto – anche all’amore – in nome di un ideale. Il Capitano (l’unico degno di chiamarsi tale) che vaga tra le stelle al timone dell’Arcadia, circondato dal silenzio delle spazio profondo. Seduto su un trono solitario, di poche parole, sorseggia vino e sakè in compagnia di Tori-San, un corvo a cui affida le sue lacrime. Bello e tenebroso, ha fatto perdere la testa non solo alle terrestri. Capitan Harlock, un solo occhio in grado di perforarvi l’anima e farvi sue per sempre.

Andrè Grandier: l’uomo che una donna NON merita

Andrè Grandier e la sua fedeltà ad Oscar

Dopo anni vissuti all’ombra della donna più forte della corte di Francia, riesce a godere del suo cuore solo il giorno prima della sua morte. Simbolo dell’amore vero, incondizionato e soprattutto eterno, ci ha fatto accorgere della sua bellezza e del suo valore solo dopo numerose “cantonate” di Lady Oscar. È stato uno spirito guida e un’ancora di salvataggio, con lui potremmo riscrivere il concetto di devozione, purtroppo è quel manzo di cui le donne si accorgono troppo tardi.

Ren Honjo: l’amore bello e dannato

Nana e Ren: belli e dannati

Unico grande amore di Nana Osaki. Un lucchetto al collo che lo lega alla donna che ama, un basso che suona come un grido soffocato dalle lacrime perché il dolore e gli incubi di bambino non lo hanno mai abbandonato. Potrebbe avere tutte le donne del mondo ma lui rimane fedele alla sua Nana, anche dopo il successo grazie alla musica, i soldi. Chiederà a Nana di sposarlo e il nostro cuore, in quell’istante, si è riempito di gioia sincera. Tuttavia la felicità è un soffio di vento gelido per Ren, che attraversa il suo corpo perfetto ma provato dalle dipendenze che sentenzieranno per lui una tragica morte mentre tutto, finalmente, sembrava perfetto. Non ci dimenticheremo mai di Ren Honjo, e di quel fiore di loto tatuato sul braccio di Nana, identico a quello dell’unico uomo che la star dei Black Stones abbia mai amato.


Howl Jenkins Pendragon: l’incantatore di cuori

Howl

È il connubio perfetto di tutto quello che una donna potrebbe desiderare. Può essere biondo e moro, gentile, arrogante, dolce e sfuggente, la cosa più affascinante di tutte è il fatto che sa usare la magia. Gli fanno da contorno leggende e misteri, ha numerose identità e vive in un castello errante alimentato da un demone del fuoco. Tutte abbiamo vissuto il sogno di Sophie, amata da vecchietta rattrappita per poi sbocciare di nuovo e vivere il suo amore.

Sirio il Dragone: l’amore è cieco ma noi no!

Sirio il Dragone in tutta la sua forza

Se si parla di manzi, i pettorali del Dragone Viola meritano sicuramente di essere ricordati. Sirio, il cui spirito di sacrificio è ormai leggendario, ha sempre avuto tutto ciò che serve per farci perdere la testa. Tempra e coraggio da vendere, ha imparato a gestire il cosmo che è dentro di lui addestrandosi duramente (noi un po’ meno assistendo ai suoi allenamenti). Il suo colpo segreto del Drago Nascente lascia scoperto il cuore, suo punto debole e anche nostro guardandolo. I Cavalieri dello Zodiaco ci piacciono tutti, ma Sirio, con quei capelli lunghi mossi dall’energia che lui stesso sprigiona, petto nudo e armatura splendida, è il drago del nostro cuore.

Trunks: il ritorno di Nick Carter

Trunks del futuro

Un rappresentante della serie di figaccioni creati da Akira Toriyama doveva essere chiamato in causa, e chi se non Trunks? Quando è arrivato misteriosamente dal futuro, col suo look alternativo e moderno, ha surclassato tutti quei muscoli stretti nelle tutine dei Sayan e ha fatto strage di cuori tra le più giovani. Aveva uno spadone gigante ed era fortissimo, nessuna nota da strafottente come il padre, ma nemmeno scemo come lo zio. Ve lo proponiamo nella versione “post Backstreet Boys”.

Marin Reigan: l’uomo talmente bello da non sembrare umano (infatti è un extraterrestre)

Marin Reigan e il suo Baldios

In rappresentanza di tutti i piloti dei super robots, la nostra scelta non poteva che ricadere sull’uomo al comando di Baldios: Marin Reigan,  o se preferite il ragazzo dagli occhi di ghiaccio. Abitante del Pianeta S-1, Marin è la nostra unica speranza contro l’invasione della Terra messa in atto da  quell’infame senza cuore di Gattler; il suo punto debole? È innamorato, e questo lo rende perfetto ai nostri occhi. Una delle storie d’amore più belle e travagliate, quella tra Marin e Afrodia (inizialmente sua nemica), ha fatto vacillare anche le più dure di cuore e perdere la testa per Marin, bello, coraggioso e consapevole che nulla può fermare l’amore. Haran Banjo ti chiediamo scusa, ti sei battuto con onore fino all’ultimo.

Paul Cabor: il Principe con la P maiuscola

paul

Bello, solitario, enigmatico, poco interessato alle ragazze, pugile e niente di meno che principe degli inferi! Ransie ci aveva visto lungo, praticamente è la perfezione, abbiamo visto donne fare letteralmente a capelli per lui. Seppur appartenente ad uno scenario un po’ vintage, mantiene ancora tutti i caratteri del Jappomanzo che vorremmo vedere allenarsi ogni mattina, magari a petto nudo e con qualche goccia di sudore!

Jotaro Kujo: pettorali ne abbiamo?

Le bizzarre avventure di JoJo: Jotaro Kujo

Il casato Joestar conosce solo belli o bellissimi. In rappresentanza di tutta la famiglia impegnata a sconfiggere Dio Brando, la nostra scelta è ricaduta su Jotaro Kujo (e i suoi pettorali), il JoJo della saga Stardust Crusaders. Jotaro è magnifico, bello da togliere il fiato e portatore dello Stand Platinum, il diciassettesimo arcano maggiore. Complice una saga ancora oggi annoverata tra le più belle nata grazie al genio di Hirohiko Araki, Jotaro è una gioia per gli occhi e, quando utilizza lo Star Finger, estendendo il suo indice due volte e mezza la lunghezza normale, la nostra fantasia vola lontano. Perdonateci.

Yuri e Ginta: ancora lottano per la vittoria!

yuri e ginta

Se non vi hanno causato dei piccoli problemi di cuore questi due, allora siete fatte di pietra! Ancora non ci capacitiamo di come un tipetto come Miki, senza doti particolari, possa aver attirato tutta una serie di personaggi brillanti e prestanti. Ginta era il bello testardo e irascibile, innamorato da anni della sua compagna di classe, se la vede portar via da Yuri, un biondo dal sorriso magico a cui proprio non si può resistere.

BONUS +2

La scelta è stata davvero dura, non potevamo soddisfare tutti i vostri cuori palpitante, perciò ci siamo permesse di citare due manzi bonus che non sono rientrati nella nostra Top ten ma sono altrettanto meritevoli:

Renji Abarai: il rosso che infiamma

Renji Abarai impugna Zabimaru, pronto allo scontro

Dopo un’entrata piuttosto coatta nella vita di Ichigo Kurosaki, Renj Abarai mantiene piuttosto costante la sua presenza, o meglio quella dei suoi muscoli e dei suoi tatuaggi. La sua chioma rossa scatena vari bollori per non parlare del suo carattere impetuoso e irruente. Nella classifica dei personaggi preferiti, pubblicata periodicamente su Shonen Jump, si colloca sempre tra i primi 5 posti.

Vash The Stampede: la pistola più veloce di Mtv

Vash The Stampede: la pistola più veloce di Mtv

Qui siamo davanti ad un fascino disarmante, al contrario del suo corpo che è sempre pronto a sparare colpi. Il suo braccio destro può trasformarsi in una vera arma devastante, l’Angel Arm, che ha una potenza al pari di una bomba atomica capace di creare un cratere sulla luna. Il suo braccio sinistro invece è completamente artificiale e nasconde al suo interno niente meno che una mitragliatrice. Dotato anche di una certa longevità, 131 anni nell’anime e 150 nel manga, ha intaccato per sempre la nostra anima con quegli occhiali tondi dalle lenti gialle.

 

 


Segui Meganerd su FacebookTwitter
Instagram e Telegram!

 



Saki

Cuore giapponese in un corpo italiano, leggo manga dalla più tenera età e sogno ancora di cavalcare Falcor! Curiosa fino allo sfinimento, sono pronta a parlarvi delle mie scoperte!

Commenti