I biglietti dell’autobus illustrati da Milo Manara non piacciono al direttore generale dell’Atac

C_2_video_3023219_upiThumbnail

Vi abbiamo già parlato della mostra dedicata al maestro dell’eros Milo Manara a Roma, inaugurata lo scorso 26 maggio, in concomitanza con la terza edizione di ARF! che si protrarrà fino al prossimo 9 luglio nei locali de La Pelanda – Macro Testaccio, nel cuore della Capitale. Ebbene, proprio in occasione di questa mostra, l’artista veronese ha realizzato quattro illustrazioni ispirate a opere di Gustav Klimt e Alfons Mucha destinati a una serie speciale di biglietti dell’Atac (l’azienda di trasporti pubblici di Roma).

Ovviamente si tratta di illustrazioni osé, il che ha destato alcune polemiche da parte di Bruno Rota, neo direttore generale di Atac: «Non condivido assolutamente l’iniziativa dei biglietti con i disegni di Milo Manara e se avessi avuto la possibilità di dire mia l’avrei detta. Come su tutta un’altra serie di cose – queste le dichiarazioni del dg riportate in un articolo de Il Messaggero – I soggetti proposti su un biglietto per il trasporto locale vanno scelti con maggiore accortezza», ha concluso Rota.

MiloManara_ATAC

I biglietti con le illustrazioni realizzate da Milo Manara erano stati presentati dall’assessore Linda Meleo lo scorso fine settimana, proprio durante lo svolgimento della terza edizione di ARF!, che è promotore della mostra. Nonostante queste sterili polemiche, i biglietti – veri oggetti da collezione – saranno venduti fino al 5 giugno presso dodici biglietterie Atac (Anagnina, Battistini, Lepanto, Ottaviano San Pietro, Spagna, Laurentina, Eur Fermi, Ponte Mammolo, Conca d’Oro, Termini, Porta San Paolo su Roma-Lido e Flaminio su Roma-Viterbo).

La redazione di MegaNerd si schiera apertamente contro ogni forma di censura e continuerà a sostenere l’arte in ogni sua forma.

Mr. Kent

Appassionato di fumetti, curioso per natura, attratto irrimediabilmente da cose che il resto del mondo considera inutili o senza senso. Sono il direttore di MegaNerd e me ne vanto.

Commenti