Game of Thrones – Sophie Turner confessa: «Ho pensato spesso al suicidio»

Sophie Turner, attrice della serie cult Game of Thrones, confessa di aver avuto un forte esaurimento nervoso, depressione e ansia a causa de Il Trono di Spade

Sansa-Stark-Sophie-Turner-1115517

Depressione, mancanza di motivazioni e istinti suicidi. Dietro alla fama per Sophie Turner, la giovane Sansa Stark di “Game of Thrones”, c’è stato e c’è ancora tutto questo. Lo ha rivelato la stessa attrice 23enne al Dr. Phil durante la trasmissione tv “Phil in the Blanks”:

“Ciò che temevo di più erano le critiche social e i commenti negativi su di me, sul mio corpo e sul mio personaggio…”

Ragazza molto sensibile e fragile, la Turner si è sempre sentita troppo coinvolta emotivamente nel personaggio interpretato nella serie tv in onda sul canale americano HBO (visibile in Italia su Sky Atlantic).

“La popolarità che mi ha dato ‘Game of Thrones’ ha avuto un prezzo però”, ammette Sophie, che ha debuttato in Game of Thrones nel 2011, appena adolescente. “Mi sono sentita spesso impacciata, troppo grassa e soprattutto una cattiva attrice. E alla fine questi sentimenti di insicurezza mi hanno portato alla depressione con cui combatto ancora oggi”.

Al suicidio ha pensato più volte, svela la Turner: “Ma non credo riuscirei mai a farmi del male…”.
Ancora oggi, rivela l’attrice, le ricadute sono frequenti, ma grazie alla psicoterapia e ai farmaci la situazione è molto migliorata. Ad aiutarla, racconta la Turner, ha contribuito anche la sua relazione con Joe Jonas: “Quando qualcuno ti dice che ti ama ogni giorno, ti fa amare te stessa e io ora mi amo, più di prima almeno..” E adesso che “Game of Thrones” volge al termine Sophie dice di avere un solo obiettivo: “Voglio dedicarmi alla mia salute mentale.”

La redazione di MegaNerd manda un grande in bocca al lupo a questa giovane attrice, sperando che riesca a risolvere davvero tutti i suoi problemi.




Commenti